Se hanno perseguitato me, perseguiteranno anche voi

OSSERVATORIO PERMANENTE - "Giov.XXIII"


"Se hanno perseguitato me, perseguiteranno anche voi."

COSTITUZIONE DI OSSERVATORIO PERMANENTE PER IL MONITORAGGIO DEL MARTIRIO DEI CRISTIANI,
IN RELAZIONE ALLA VIOLAZIONE DEL DIRITTO ALLA LIBERTà RELIGIOSA, IN PARTICOLARE, NEI PAESI SEGNATI DAL SIA DAL TOTALISMO COMUNISTA CHE DA QUELLO ISLAMICO.

Costituzione di OSSERVATORIO PERMANENTE SUL MARTIRIO DEI CRISTIANI, IN RELAZIONE ALLA VIOLAZIONE DEL DIRITTO ALLA LIBERTà RELIGIOSA
"Se hanno perseguitato me, perseguiteranno anche voi."

Non vi è mai stato un solo angolo del mondo in cui la vera fede, cioè il rapporto vivente del credente con il Risorto non abbia trovato opposizione, perché lo spirito di questo mondo, che facilmente si infiltra anche tra i cristiani più religiosi non conosce lo Spirito di Cristo, trasformando così il Kerigma in una dottrina, ovvero riducendo la fede ad una religione.

Ma il fondatore del cristianesimo non ha lasciato un libro o delle testimonianze come hanno fatto gli altri fondatori di religione, Lui stesso guida la Chiesa, Lui stesso con la potenza del Suo Spirito guida quei cristiani che hanno la coerenza di non fare l'occhilino al mondo o che dopo aver messo la mano all'aratro si voltano a guardare indietro.

Abbiamo sempre saputo che particolarmente violenta è stata la persecuzione dei cristiani in questo secolo, ma mai avremmo potuto immaginare che tale persecuzione EGUAGLIA in cifre quella dei morti della seconda guerra mondiale.

In 2000 anni sono stati martirizzati, ovvero uccisi per odio alla fede 70.000.000 di cristiani, di cui più della metà solo nel XIX sec. .
Nel nostro secolo, sotto i nostri occhi ci hanno ammazzato ben 45.000.000 di fratelli e noi non ce ne siamo neanche accorti.
Vista "l'aria che tira", gli attuali 260.000 martiri all'anno rischiano di aumentare, infatti CIRCA 400.000.000 di cristiani subiscono pesanti restrizioni nell'esercizio della loro fede e 250.000.000 vivono ogni giorno in costante pericolo di vita.
Nessuno si è ricordato di fare una fiaccolata, nessuno fa niente?
Gli organi di stampa latitano, e noi?


Costituzione di OSSERVATORIO PERMANENTE SUL MARTIRIO DEI CRISTIANI, IN RELAZIONE ALLA VIOLAZIONE DEL DIRITTO ALLA LIBERTà RELIGIOSA"
"Se hanno perseguitato me, perseguiteranno anche voi."

Fonti per la ricerca:
www.alleanzacattolica.org/acs/
www.porteaperteitalia.org/wwl_02.html
www.culturacattolica.it
www.eun.ch
www.corrieredelsud/religione/articolo1.htm (articolo2.htm)
www.evangelici.net
www.lucisullest.it
www.cesnur.org (ACS di Attilio Tamburrini)
----------------------
"È impressionante l'indifferenza con cui si accettano discriminazioni, persecuzioni, violenze e morte inflitte alle popolazioni cristiane che sono normalmente pacifiche, solidali, refrattarie alla violenza. Ed è ancora più straordinario constatare come tanti cristiani del nostro tempo, con le loro famiglie, siano disposti a correre rischi mortali o ad accettare vessazioni quotidiane, persecuzioni e perfino il martirio per non rinnegare Gesù Cristo". Giulio Luporini

Internazionale islamica!

Religioni da sempre tollerate e rispettate, da più di un decennio, non lo sono più, è in atto una violenza senza precedenti nel mondo islamico tendente ad estirpare ogni minoranza religiosa con metodi raccapriccianti e violenze psicologiche continue.
Mi chiedo se esista un progetto criminale finanziato dall'Arabia Saudita, che io chiamo Internazionale Islamica?

L'Albania è un esempio chiarificatore della situazione:
prima che giungessero i capitali dall'Arabia Saudita vi era un clima di collaborazione ed amicizia tra tutte le religioni e in particolare tra islam e cristianesimo.

Purtroppo, adesso si registrano casi di sacrilegio e di incendio di conventi e chiese cattoliche, ad opera dei soliti ignoti fondamentalisti.

Padre Samir Khalil, docente internazionale di teologia orientale, dichiara come i musulmani liberali non hanno attualmente nessun credito nelle società islamiche che sono guidate universalmente da un pensiero fondamentalista che purtroppo, ha trasformato una nobile e positiva religione in una trappola mortale per le minoranze religiose e ha reso l'islam molto aggressivo e con tendenze espansionistiche molto forti.
Violenza, intolleranza, fanatismo e saccheggio di cose e persone da una parte, mentre ingenti investimenti economici dall'altra portano numericamente e territorialmente a grandi risultati.

Si porta a conoscenza della cittadinanza che l'attuale TAZEBAO è stato distrutto da un atto vandalico, chiunque ha informazioni le comunichi.

Si porta a conoscenza della cittadinanza che l'Osservatorio sul martirio dei Cristiani è operativo al Centro Parrocchiale di Monteverde con una notevole documentazione che è a disposizione di tutti.

Tutti siete invitati a prendere visione di questa documentazione e a rilasciare la vostra firma di adesione agli intenti dell'Osservatorio che vuole scongiurare con tutti i mezzi una futura guerra di religione.
---------------------
Alla cortese attenzione delle S.V. Ill.me

"Ad una voce se ne aggiungono altre 100, avrai un futuro se non ti arrendi".

Grumo, 23 -10 -02
Tutte le realtà del nostro comune sono formalmente invitate ad esprimersi e a prendere posizione.
Tale risposta alla presente sarà oggetto di pubblicazione.
La realtà che si presenta alla nostra attenzione non può trovare i termini appropriati per potersi esprimere.
Questa realtà non solo interpella il diritto e la morale, ma dal punto di vista politico non ha svelato ancora tutta la pericolosità nelle prospettive future.

Tutti ci sentiamo partecipi dell'osservatorio che consente a tutte le realtà del nostro comune di poter esprimere gli aspetti della collaborazione e della concordia.

Questo è il miracolo che l'Osservatorio potrà operare... il mistero e la gioia dell'unità nella nostra comunità civile, con rispetto
---------------------------------
Sia Lodato Gesù Cristo!

Nella nostra Parrocchia S. M. di Monteverde è stato costituito l'OSSERVATORIO SUL MARTIRIO DEI CRISIANI, in particolare, e sulla VIOLAZIONE DELLA LIBERTà RELIGIOSA in generale.

Ringraziamo il Parroco don Franco Vitucci, che ha voluto donare le strutture del Centro Parrocchiale all'Osservatorio sul Martirio dei cristiani che ricordiamo è già operativo nella Scuola Media "Giovanni XXIII" e nell'ITC "Tommaso Fiore".

L'Osservatorio è già operativo nel nostro centro Parrocchiale dalle ore 18,00 alle ore 20,00 di tutte le sere.

Tutti possono accedere per visionare i documenti che sono già disponibili nel centro parrocchiale e trovare elementi di conoscenza e spunti per la preghiera.

Questi nostri fratelli, sono considerati i peggiori criminali della società solo perché sono cristiani, e come i peggiori criminali sono condannati alla pena di morte.

Sono milioni i nostri fratelli che soffrono indicibili torture e tra questi, statisticamente circa 500 al giorno trovano il martirio.

Questi fratelli, con il loro sangue, unito al sangue di Cristo rappresentano la speranza per un mondo migliore e più umano.

Questi fratelli, hanno diritto a tutto il nostro amore e al sostegno della nostra preghiera.

Adesso, approfittiamo di questa opportunità che ci offre la parrocchia S. Maria di Monteverde e prendiamo coscienza di quando soffrono per Cristo i nostri fratelli nella fede.

Grazie!
-------------------------------------
Costituzione di OSSERVATORIO PERMANENTE SUL MARTIRIO DEI CRISTIANI, IN RELAZIONE ALLA VIOLAZIONE DEL DIRITTO ALLA LIBERTà RELIGIOSA"
"Se hanno perseguitato me, perseguiteranno anche voi."

Non vi è mai stato un solo angolo del mondo in cui la vera fede, cioè il rapporto vivente del credente con il Risorto non abbia trovato opposizione, perché lo spirito di questo mondo, che facilmente si infiltra anche tra i cristiani più religiosi non conosce lo Spirito di Cristo, trasformando così il Kerigma in una dottrina, ovvero riducendo la fede ad una religione.

Ma il fondatore del cristianesimo non ha lasciato un libro o delle testimonianze come hanno fatto gli altri fondatori di religione, Lui stesso guida la Chiesa, Lui stesso con la potenza del Suo Spirito guida quei cristiani che hanno la coerenza di non fare l'occhilino al mondo o che dopo aver messo la mano all'aratro si voltano indietro a guardare o a..... piangere nostalgicamente le cipolle d'Egitto.

Abbiamo sempre saputo che particolarmente violenta è stata la persecuzione dei cristiani in questo secolo, ma mai avremmo potuto immaginare che tale persecuzione supera di gran lunga in cifre quella dei morti della prima e della seconda guerra mondiale messi insieme.

In 2000 anni sono stati martirizzati, ovvero uccisi per odio alla fede 70.000.000 di cristiani, di cui la metà solo nel XIX sec. . Nel nostro secolo, sotto i nostri occhi ci hanno ammazzato ben 45.000.000 di fratelli e noi non ce ne siamo neanche accorti.

Vista "l'aria che tira", gli attuali 260.000 martiri all'anno rischiano di aumentare, infatti 400.000.000 di cristiani subiscono pesanti restrizioni nell'esercizio della loro fede e 250.000.000 vivono ogni giorno in costante pericolo di vita.
Nessuno si è ricordato di fare una fiaccolata, nessuno fa niente?

Gli organi di stampa latitano, e noi?

Ringrazio il Preside prof. Minerva Domenico che con entusiamo ha permesso nella S.M.S. "Giov. XXIII", scuola in cui insegno con quattro classi, la costituzione di un "OSSERVATORIO PERMANENTE sul martirio dei cristiani, in relazione alla violazione della liberta reliosa nel mondo". prof. Lorenzo Scarola
Fonti per la ricerca:
www.porteaperteitalia.org/wwl_02.html
www.culturacattolica.it
www.eun.ch
www.corrieredelsud/religione/articolo1.htm (articolo2.htm)
www.evangelici.net
www.lucisullest.it
www.acs.ch "Attilio Tamburrini"
---------------------------------------------

Gentilissimi concittadini di Grumo Appula, la storia ci chiama ad essere protagonisti di un'azione umanitaria e universale in favore della libertà e dignità di tutti gli uomini del pianeta.

Grandi ed inennarrabili sofferenze sono subite da persone innocenti e pacifiche a nostra insaputa, perché i poteri "forti" di questo mondo, per i loro interessi non hanno la volontà di farci sapere quello che avviene realmente.

Oggi, completamente dimenticati da tutti, sono morti 600 cristiani per le mani criminali di comunisti e islamici! Così è ogni giorno per la somma di circa 160.000 morti innocenti all'anno.

Il problema prima che essere pietoso o etico è soprattutto politico. Se questi popoli islamici e comunisti non accetteranno il pluralismo e non smetteranno di confondere la religione con la politica, presto potremmo trovarci di fronte ad un terzo conflitto mondiale che vedrebbe coinvolti inevitabilmente gli arsenali nucleari.

In questi ultimi 100 anni, tuttavia, è stata dichiarata una guerra unilaterale contro i cristiani che ha prodotto ben 45.000.000 di morti.

Tutto questo sangue e questo dolore non possono trovarci irresponsabili, risponderemo certamente della nostra omertà di fronte alla storia e a Dio.

In maniera trasversale, docenti dell'ITC "Tommaso Fiore" e della SMS "Giov. XXIII" hanno costituito un OSSERVATORIO PERMANENTE per monitorare questo dramma che a tutti i costi si vuol tenere nascosto.

Inviti di partecipazione morale, sono stati inoltrati da tale osservatorio a tutti i gruppi e associazioni presenti nel nostro comune, da cui per dovere di civiltà ed educazione si aspetta una risposta formale.
Ci scusiamo se involontariamente è stato trascurata qualche realtà del nostro paese, su comunicazione, vi verra inoltrato il documento.

L'intento è quello nobilissimo di ritrovarci finalmente tutti uniti per una grande causa. Tutte le forze positive, senza distinzioni, di questo comune si ritroveranno insieme come un cuor solo ed un'anima sola per una grande causa di civiltà.
Dal libro di Antonio Socci, I nuovi perseguitati, ed. piemme p.31

Così - aggiunge Horowitz ricordando alcune nobili cause - "un'elite intellettuale che nei suoi interventi ha avuto a cuore i buddisti del Tibet, gli ebrei della passata Unione Sovietica e i musulmani di Bosnia trova facile respingere l'idea che i cristiani possano essere ugualmente vittime".

Eppure sono anch'essi perseguitati.
E' pazzesco che non lo si voglia vedere.
Ancor più inspiegabile se si considera che la Chiesa, con le sue opere di carità, il suo richiamo planetario alla solidarietà e alla fraternità e i suoi missionari, migliaia di uomini e di donne che donano la loro vita agli altri, non persegue disegni di potere, insegna il rispetto delle autorità pubbliche, accorre e soccorre con slancio anche le popolazioni non cristiane che sono nel bisogno in qualunque parte del mondo, senza fare mai distinzioni.

Per esempio, durante la crisi internazionale relativa all'Afghanistan, il 20 dicembre 2001 la CEI ha destinato tre miliardi, provenienti dall'8 per mille, al soccorso delle popolazioni afghane, che sono tutte musulmane. Vanno ad aggiungersi ai trenta miliardi già stanziati dalla CARITAS internazionale, isieme ad 1 miliardo e 435.000.000 milioni raccolte nelle chiese nella giornata di preghiera del 14 dicembre. Tutto questo sebbene in Afghanistan tuttora non sia permesso neanche celebrare una messa.

Il Regno Unito ha ragione di essere orgoglioso dei propri risultati, dovuti in non piccola misura all'opera di una minuscola organizzazione di monitoraggio, INFORM, che ha sede presso la London School of Economics.
Da undici anni, essa fornisce informazioni oggettive al governo, alla polizia, alle Chiese e alle famiglie angosciate.
Ma i finanziamenti elargiti a INFORM dal ministero degli Interni e dalle Chiese non sono sufficienti; in questo momento, l'organizzazione sta avanzando claudicante verso il nuovo anno. In una cultura secolarizzata, dove il rispetto verso la fede in ogni sua forma diminuisce sempre più, non si tratta forse di una questione troppo eccitante.
Ma non è possibile scegliere quale diritto umano difendere e quale no senza minare la legittimità di tutti.

ACNews 001-99
- La religione è un diritto per cui si deve lottare.
Testo dell'editoriale di Natale del quotidiano The Guardian di Londra, comparso il 24 dicembre 1998
------
---------------------------------------------
STUPRI RELIGIOSI
Islamici e Satanisti: stessi metodi contro i cristiani!
oooooooooooooooooooooooooooooooooooooo

Dopo una serie di violenze e massacri il 17 giugno 1981 in Egitto, un intero quartiere del Cairo, Zawya el-Hamra, dove i cristiani fino ad allora avevano potuto vivere normalmente accanto ai musulmani, viene devastato da fanatici musulmani che fanno decine di morti:

"Bambini scaraventati dalle finestre sotto gli occhi inorriditi dei genitori, incendi di chiese e saccheggi nei negozi e nelle abitazioni: i gruppi di fanatici islamici hanno imperversato indisturbati per due giorni senza che la polizia osasse intervenirte".

Fra le tante sevizie che i cristiani devono subire dai musulmani, c'è il rapimento delle giovani cristiane, le stuprano per rovinare la loro vita una volta restituite alle famiglie oppure riescono ad estorcere loro l'atto formale di conversione all'Islam così da non restituirle ai genitori e darle in spose ad un musulmano (ovviamente con la connivenza delle autorità).


Fra i tanti casi ricorderemo quello, del 1999, della sedicenne Suhir Shihata Gouda: " I familiari e gli altri cristiani del villaggio dove abita sono stati malmenati da agenti di polizia e minacciati di morte per aver tentato di indagare sulla sorte della ragazza". (rapporto 2000 dell'ACS, p. 109)

"Lo stupro delle donne cristiane" osserva Olga Mattera "viene usato in quasi tutta l'area islamica dai gruppi fondamentalisti per forzare le conversioni all'islam e per prevenire quelle opposte".

E' proibito per un cristiano sposare una musulmana, mentre una cristiana è obbligata a islamizzarsi per sposare un musulmano.

Oltre 300.000.000 di cristiani sono ostaggio dei paesi islamici e comunisti e subiscono incredibili sofferenze e discriminazioni.

Statisticamente 500 vengono martirizzati ogni giorno per un totale di 160.000 uccisioni all'anno.

La popolazione cristiana è così terrorizzata e rassegnata che quando gli Stati Uniti hanno prospettato azioni per imporre all'Egitto un migliore trattamento dei cristiani, sono stati i primi ad opporsi per paura di più pesanti ritorsioni e per non ricevere la calunnia di collaborazionismo con l'Occidente.
Questo è anche il motivo che induce il Vaticano a evitare denunce pubbliche clamorose che sarebbero poi pagate drammaticamente dai cristiani "ostaggi" delle maggioranze musulane.

Tutti i cittadini sono invitati a prendere visione della documentazione che si trova presso il centro parrocchiale di S.Maria di Monteverde.
-------------------------
-----------------------------------------------------------
Francesco nacque il 27 marzo 1416 a Paola (Cosenza) da Giacomo Martolilla e Vienna da Fuscaldo.

Già in età avanzata, i genitori attribuirono la nascita del loro primogenito all’intercessione di S. Francesco, e per questo gli diedero il nome del Santo assisiate e promisero di rivestirlo dell’abito votivo dei Francescani.

Ben presto Francesco manifestò la sua propensione alla preghiera e le sue doti di pietà, accompagnate da manifestazioni soprannaturali, le stesse che, successivamente, avrebbero alimentato la sua fama di grande taumaturgo.

Attorno al 1435, si ritirò fuori dell’abitato di Paola, in un terreno di proprietà della famiglia.

Francesco divenne per Paola un punto di riferimento religioso e sociale, entrando nel cuore della gente che si recava da lui per sottoporgli problemi di diversa natura.

Lo avvicinavano potenti e semplici, ed egli non faceva distinzione di ceto.

Il Santo seppe creare attorno a sé un ambiente di profonda religiosità e fede con l’invito costante alla preghiera e all’osservanza della volontà di Dio.

Fin dall’inizio, Francesco ebbe fama di grande taumaturgo.

I prodigi accompagnarono tutta la sua vita, a partire dalla costruzione dei primi conventi.

Un giovane di Paola, nonostante il consulto di medici di fama, aveva su un braccio una piaga che non si rimarginava.

La madre gli disse: "Vai anche tu al romitorio di Francesco e vedrai che ti farà la grazia".

Si decise, andò ed espose il suo problema e tutti i tentativi fatti per guarire.

Francesco si abbassò, prese la prima erba che gli venne tra le mani e gli disse: "Falla bollire, mettila sulla piaga e sarai guarito!". Il giovane lo guardò e gli disse: "Di quest’erba ve n’è tanta a Paola, possibile che fa miracoli?".

L’Eremita replicò: "É la fede che fa i miracoli!".

Ad un prete che gli faceva questa domanda: "Come fai a sapere che quest’erba ha delle virtù?", Francesco rispose con semplicità evangelica: "A chi serve fedelmente Dio e osserva i suoi comandamenti, anche le erbe manifestano le loro virtù".

Le sue opere porteranno alla nascita dell' Ordine dei Minimi, seguita dalla fondazione prima del Terz’Ordine secolare e poi delle Monache. Francesco si spense a Tours il 2 aprile 1507.

La fama di questo taumaturgo, attraverso i tre rami della famiglia Minima (frati, monache e terziari), si diffuse in Europa, favorendo la sua beatificazione (7 luglio 1513) e la sua canonizzazione (1° maggio 1519) avvenuta a soli dodici anni dalla morte.

Patrono della Gente di mare italiana – Pio XII lo dichiarò tale il 27 marzo 1943.

La festa liturgica ricorre il 2 aprile.





http://signoraggio.wordpress.com/tag/massoneria/


NON STARE SOLO A GUARDARE COME GLI ALTRI SI COMPROMETTONO PER TE! SE NON FAI LA TUA PARTE, L'IMMOLAZIONE DELLE NOSTRE VITE SARÀ INUTILE E AI TUOI FIGLI RIMARRÀ UN FUTURO DA INCUBO!
-IBAN: IT33E0358901600010570347584 (non deducibili)


senz'altro -
jhwhinri@gmail.com
ti risponderà!


Postepay:
4023-6004-5553-6625 (non detraibili)