revisionismo e storico e strumentalizzazione della ricerca scientifica

Se il presente argomento:
STORIA DEL SIGNORAGGIO BANCARIO,
non si trova nei libri di storia E NON SI Può TROVARE.
Allora, la comprensione della storia, come della realtà in cui viviamo è tutta falsata!

Lo stesso crimine ORRIBILE dell'olocausto non può essere rettamente compreso.
All'epoca, come oggi, tutti gli invisibili proventi del “signoraggio” (Titoli del Debito Pubblico in cambio di carta colorata, con la conseguente chiusura del bilancio a zero, questo al contempo rende invisibile semplicemente il doppio di tutto il denaro del mondo) finivano a Londra e in parte venivano poi “spalmati", come oggi avverrebbe con i 33.000 conti segreti chiamati clenstreem.
Così, uccidere un ebreo era sempre, una funzione politica legata ad esigenze belliche e non soltanto festeggiare per l'uccisione del “grasso maiale”.

FASE TRE - divulgare il nuovo ordine mondiale: strategie della PIRAMIDE massonica.
La FASE TRE è iniziata: "Caro Signor Scarola, comprendo e condivido il Suo anelo per salvare il mondo, ma... Nel giorno del giudizio avrò l'assoluzione per insufficienza di prove a mio carico (si sta illudendo!) e siccome discendo da una famiglia di banchieri ebrei, profitto personalmente del sistema del signoraggio. Che Allah la protegga! www.forum-****a
--- scrivi a: jhwhinri@gmail.com
Allora, possiamo dire che tutta la ricerca scientifica è già stata piegata alle esigenze della “tecno-finanza” come direbbe l'On, Tremonti, che io sto osservando da tempo con molto interesse.

Allora, la stessa “scienza” viene resa la più spietata delle religioni, per i polli indottrinati dall'unico Net Work mondiale.

Allora, solo dalla contro informazione, può partire una sana ricerca scientifica che sia un autentico servizio della verità.
Vi offro quello che non leggerete mai da un testo di storia o da una monografia universitaria e che mai potrete vedere pubblicato su un quotidiano a tiratura nazionale.
----------------------------------
*********************************
GENESI DELLA TECNO FINANZA e democrazia nata morta, per mancanza dell'organo vitale della sovranità monetaria.
***********************************

DEL SIGNORAGGIO E DEL SERVAGGIO

Affiora a questo punto, la questione del signoraggio.
Si tratta di un termine antico, che si riporta all’epoca nella quale i sovrani coniavano monete d’oro e d’argento, cui assegnavano un valore facciale superiore a quello intrinseco (ecco il signoraggio), e la loro effigie sulle monete aveva il significato di garantirne sia l’ufficialità come mezzo di pagamento, sia il valore indicato (nell’ambito del regno).

Per la banca centrale europea (BCE) signoraggio è “il reddito ottenuto dalle banche centrali nazionali nell’esercizio delle funzioni di politica monetaria del SEBC” (art. 32 dello statuto).

Tale descrizione, (di parte), è fuorviante in quanto ne sposta i termini, lasciando intendere che si tratterebbe del ricavo di un servizio.

Non è così: in realtà non c’è nessun servizio, ma al contrario un potere
usurpato.

Oggi, si definisce usualmente signoraggio la differenza tra il valore facciale del mezzo monetario ed il costo per produrlo. (PAOLO SAVONA, La sovranità monetaria, Torino, 1974)

Questa differenza diventa un guadagno se chi “batte moneta”è un privato.

Non lo è, se a ciò provvede lo Stato.
Un tempo, la quantità massima delle banconote che potevano essere messe in circolazione, era determinata dalla riserva aurea posseduta.

Sui biglietti era scritto:
“pagabile a vista al portatore” intendendosi che questi poteva chiedere il controvalore in oro all’autorità che aveva stampato la cartamoneta.

Questa limitazione alla stampa dei biglietti venne però superata già ai tempi della prima guerra mondiale.

Con il passaggio dalle monete di metallo pregiato alla moneta cartacea, si rese
molto più agevole creare valore monetario e ciò scatenò appetiti sfrenati. I banchieri fecero a gara per ottenere il privilegio di battere moneta. E, come sappiamo, l’ottennero.

A metà dell’800, l’associazione massonica “Comitato dell’Amor fraterno” in Italia emetteva banconote.

All’atto pratico, il signoraggio si traduce nella potestà di battere moneta.
Si tratta di un’attribuzione connaturata al potere statale, cioè alla sovranità (al potere riconosciuto dai componenti il gruppo sociale per la gestione della collettività), e risponde all’interesse essenziale della comunità di disporre di uno strumento di pagamento, garantito nella funzione e nel valore.

E’ bene avere chiaro che un pezzo di carta stampato assume la valenza di mezzo
di pagamento, cioè di danaro, grazie al consenso della comunità nazionale.

La sua accettazione da parte dei cittadini costituisce una convenzione, in base alla quale al pezzo di carta è assegnato il valore su di esso indicato.

Si pensi al caso dell'operaio che, in cambio del suo lavoro (bene reale), ottiene cartamoneta (valore convenzionale) e, con questa cartamoneta, acquista risorse per vivere (valore reale).
(Sotto certi aspetti, l’insieme di tutte le banconote di un Paese potrebbe dirsi l’espressione monetaria del valore dei beni che vi si trovano).

In queste condizioni, il “trasferimento”della potestà di battere moneta ad un ente privato, ovviamente ignoto all’esperienza vissuta dalla società umana nel corso della sua storia, assume contorni totalmente distorsivi.

Non si può perciò evitare di chiedersi perché le istituzioni, il cui compito specifico è la tutela degli interessi della popolazione, abbiano compiuto un atto che va contro questi interessi in misura tanto radicalmente distruttiva.

Questa incredibile deformazione fu realizzata in modo compiuto nel 1694 quando venne creata la Banca d’Inghilterra: la prima banca centrale nello scenario mondiale.
----------------------------
Ne stigmatizza esemplarmente la costituzione il filosofo KARL MARX:
“la banca d’Inghilterra venne autorizzata dal Parlamento a battere moneta … con questa moneta la banca faceva prestiti allo Stato e pagava per suo conto gli interessi del debito pubblico. Non bastava però che la banca desse con una mano per aver restituito di più con l’altra ma, proprio mentre riceveva, rimaneva creditrice perpetua della nazione fino all’ultimo centesimo che aveva dato. In Inghilterra, proprio mentre si smetteva di bruciare le streghe, si cominciò ad impiccare i falsari. Gli scritti di quell’epoca, ad esempio di Bolingbroke mostrano che effetto facesse sui contemporanei l’improvviso emergere di questa genia di bancocrati…”. (Capitale, Roma, 1974, I, pag. 817 e ss.)
-----------------------------
La creazione, in quello che all’epoca era il centro economico-finanziario più
importante del pianeta, di una realtà nuova, gli strumenti finanziari, che consentivano potenzialità di grandi e facili guadagni speculativi, generò una nuova schiatta di parassiti, intenti ad arricchirsi con il danaro altrui.

Banchieri, finanzieri, rentiers, mediatori, operatori di borsa, si moltiplicarono e ritennero conveniente organizzarsi in camarille, più o meno segrete per mantenere riservati i loro trucchi, evitare conflitti interni e istituzionalizzare legami che garantissero la monoliticità della combriccola.

La massoneria, con i suoi riti e la sua segretezza, costituì la loro ideale aggregazione. Il sovrano inglese ne fu subito il capo e risultò pertanto agevole compiere il “sacrilegio”di trasferire ad un loro ente privato il potere di battere moneta.

Accedendo a siffatta istanza per evidente interesse di categoria, il re (partecipe della cricca) agì non più come gestore degli interessi della collettività, ma come semplice privato, così certamente arricchendosi, ma abusando dei suoi poteri e tradendo la fiducia dei suoi sudditi.

Costui aveva “scoperto” che stampare moneta per conto proprio (e della sua combriccola) era molto più redditizio che farlo per conto della nazione.
Il passaparola fra famiglie regnanti e tra i banchieri consentì il rapido diffondersi della privatizzazione monetaria, senza troppi scrupoli per l’interesse pubblico.

Nel corso dell’ultima guerra, i Savoia, vedendo profilarsi la sconfitta, (e violando rigide norme specifiche) esportarono all’estero i capitali accumulati, addirittura in Inghilterra, presso i loro confratelli.

Confortarono in tal modo l’economia di quel nemico, da loro stessi indicato ai soldati italiani, costretti a combattere senza scarpe e con armi della prima guerra mondiale.

Perché abbiamo parlato della potestà di battere moneta come di un’attribuzione
della sovranità e perché ne è illegittima la privatizzazione?
(Nota: GIANO ACCAME, La destra sociale, Roma, 1996).

E’ necessario ribadire che il battere moneta è attribuzione propria della sovranità pubblica (che, come sappiamo, appartiene al popolo).

E’ assiomatico, poi, che la sovranità, proprio perché tale, non è cedibile (tanto meno poi, come nel caso, con una legge ordinaria…).

Inoltre, non rientra assiomaticamente fra i poteri dei delegati del popolo disporre della sovranità (cioè dei poteri del mandante).

La cessione del signoraggio ad un ente privato costituisce perciò una vera
inconcepibile enormità, determinando, in contropartita, la catastrofica conseguenza del servaggio dei cittadini.

Sul piano concreto, infatti, il trasferimento comporta innanzitutto un gigantesco onere per i cittadini, che si traduce in un prelievo colossale di risorse dalle loro tasche (quando, invece, queste risorse appartengono a loro tutti che, accettando la cartamoneta, ne hanno creato il valore).

Inoltre, la concessione ad un privato della potestà monetaria, comporta consegnargli la conduzione e direzione dell’attività economica del
Paese e la gestione delle sue risorse finanziarie.

E’ come se una famiglia consegnasse ad un estraneo il proprio patrimonio perché decida come impiegarlo ed utilizzarlo).

Pur tuttavia a questo si è provveduto anche in Italia, (con R.D. 812 del 1926).
Legittimo chiedersi chi all’epoca ha incassato, nel Bel Paese, il danaro di Giuda.

Con la privatizzazione della sovranità monetaria, l’ente che stampa le banconote, (il fantoccio banca centrale), non opera infatti come semplice tipografia al servizio dello Stato, ma come titolare, o proprietario, della cartamoneta stampata (il cui quantitativo, tra l’altro, essa stessa decide e determina).

Con la creazione di una banca centrale dotata di questi poteri, lo Stato, ossia la collettività nazionale, si è auto punita perché, quando ha bisogno di soldi, deve chiederli alla banca, e questa (se vuole), glieli presta.

Ma, trattandosi di un bene di sua proprietà, gli chiede un interesse.
Lo Stato dunque, in queste condizioni, non solo deve restituire il capitale ricevuto, ma pagare anche gli interessi, ed al tasso deciso dalla banca centrale (V.: B. TARQUINI, La banca, la moneta e l’usura. La Costituzione tradita, Napoli, 2001).

Naturalmente, noi parliamo di Stato, ma chi è materialmente debitore, colui che deve pagare, è il popolo italiano che, a questo scopo, è onerato di gravose imposte.

Nel Medioevo il signorotto imponeva l’obolo ai sudditi per fare qualche guerra o
gratificarsi con qualche sontuoso palazzotto.

Se non bastava l’obolo, stipulava prestiti presso i banchieri. E’ stata tale prassi ad accendere le brame di questi ultimi.

Poiché i prestiti di guerra erano sempre assai consistenti e perciò lucrosi, costoro vi hanno visto subito le enormi possibilità di arricchimento, qualora fossero riusciti a trasformarli da occasionali in istituzionali.

Soprattutto poi quando alle monete d’oro e d’argento, che avevano comunque un valore intrinseco, si è sostituita la cartamoneta a costo zero.

In pratica, oggi, il vantaggio per il privato di “battere moneta” è massimo,
equivalente a quello del falsario. Mentre quest’ultimo però rischia la prigione, i banchieri centrali sono colmati di onori.
--------------------------
( MAURICE ALLAIS, premio Nobel per l’economia nel 1988, in : La crise mondiale aujourd’hui, Paris, 1991, , è estremamente chiaro:
“Par essence, la création monetaire ex nihilo que pratiquent les banques est semblable, je n’hésite pas à le dire pour que les gens comprennent bien ce qui est en jeu ici, à la fabrication de monnaie par des faux-monnayeurs, si justement reprimée par la loi”).
-----------------------------
Se l’Imperatore Augusto voleva una flotta di triremi, con i metalli pregiati estratti dalle miniere dell’impero, coniava i sesterzi sufficienti alla bisogna.

E i cives romani potevano tranquillamente andare a comprare il biglietto per godersi gli spettacoli al Colosseo, senza temere rivalse fiscali.

Oggi, invece, se lo Stato ha bisogno di 10.000 miliardi per fare un ponte, deve chiederli in prestito alle banche, ed i contribuenti devono accollarsi nuove imposte per 10.000 miliardi, più gli interessi.

Si è verificata una paradossale inversione dei ruoli.

Lo Stato, come un qualsiasi privato, deve chiedere ad un ente privato, diventato però, impropriamente, sovrano monetario, la “sua” cartamoneta.

Ciò è abbastanza grottesco ed estremamente punitivo, (ma, attenzione, ripeto, non per lo Stato, ente astratto, bensì per i cittadini).


Per disporre del danaro occorrentegli per funzionare, lo Stato lo deve richiedere alla banca centrale (ma ciò gli è consentito solo entro certi limiti) oppure vende direttamente ai cittadini dei titoli di credito (i Buoni del Tesoro), con i quali si impegna a pagare un certo interesse (il cui ammontare è stabilito dai privati banchieri, come all’epoca delle Crociate).

La prima porzione riceve come contropartita della cartamoneta prodotta dalla banca centrale a costo quasi nullo, inferiore a quello che dovrebbe sostenere un falsario (la produzione artigianale è sempre più onerosa di quella industriale).

La seconda, invece, ha come contraccambio delle banconote che sono il frutto del lavoro dei cittadini. (Questa diversità è piuttosto interessante).

Questi ultimi dovranno anche provvedere, sempre con il loro lavoro e pagando le imposte, a fornire allo Stato i mezzi monetari per restituire al sistema bancario la porzione di cartamoneta che questo ha “prestato” allo Stato.

Consegue comunque in entrambi i casi che le banche, emettendo moneta,
“acquistano”a costo zero dai cittadini un valore corrispondente in beni e risorse reali, da costoro prodotti.

Il cliente che va da una banca e chiede un mutuo, in quel momento medesimo ne diventa il finanziatore.

Le rate di rimborso del capitale più gli interessi, (spesso spalmate
su decine di anni) saranno utilizzati dalla banca per altri lucrosi mutui, praticamente senza fine.

Quando una banca consegna a Tizio per un mutuo del danaro ricevuto da altri mutuatari, è come se Tizio prendesse a prestito il danaro dal suo vicino (TOM SCHAUF, The American Voter Vs. The Banking System, New York, 2002, nonché: N. COHN, The Pursuit of the Millennium, Londra, 1957).

Le banconote che le banche ordinarie ricevono dalla loro longa manus, la banca centrale sono fonte di altra moneta (ancor più gratuita), per effetto del moltiplicatore (come nell’esempio del mutuo, o di ogni altro affidamento).

Le banche ordinarie, perciò, creano nuova moneta, doppiamente lucrando sul lavoro dei cittadini.

Nell’esempio di cui sopra, se lo Stato facesse come l’Imperatore Augusto, e cioè stampasse direttamente biglietti per 10.000 miliardi, il ponte verrebbe costruito e nessun onere ricadrebbe sui cittadini.

Inoltre, se lo Stato, come sarebbe ovvio, (ed anzi naturale dovere), esercitasse la sua sovranità monetaria ed emettesse biglietti di Stato anziché chiedere in prestito le banconote della banca centrale, non vi sarebbe evidentemente il debito pubblico (cioè il “debito” contratto con la banca centrale e con i risparmiatori, acquirenti dei Buoni del Tesoro).

Ed ai cittadini verrebbe risparmiato il conseguente pesante onere.

(A proposito, se stampa Buoni del Tesoro perché lo Stato non stampa direttamente la cartamoneta che gli serve?).

Non solo: l’imposizione fiscale potrebbe essere enormemente ridotta (se non cancellata), le opere pubbliche potrebbero essere moltiplicate, la crescita favorita, e la disoccupazione praticamente scomparire.

Inoltre, il danaro creato dallo Stato porrebbe sullo stesso piano il privato cittadino e le banche.

A causa del trasferimento ai finanzieri della sovranità monetaria, oggi, pagando le imposte, i cittadini “restituiscono” alla banca centrale il mutuo che questa ha “concesso” allo Stato creando valore dal nulla, come i maghi delle fiabe.

La Costituzione americana riserva espressamente, al Congresso la sovranità monetaria.

In aperta violazione di questo precetto però, nel 1913, venne creata la solita banca centrale, sul modello inglese, cioè con le già note attribuzioni, e si aprì l’era della Federal Riserve Bank , dell’IRS, (la tassa sul reddito) e del TUS (il tasso ufficiale di sconto, con il quale i banchieri stabiliscono quanto costerà ai cittadini il danaro da loro creato a
costo zero).

Negli USA è stato calcolato (da Bob Dole, membro del Congresso) che circa il 50% del prelievo fiscale è destinato alle banche in “contropartita” della cartamoneta data in prestito allo Stato.

Pertanto, se si eliminasse questo compenso monetario impropriamente attribuito alle banche, il cittadino potrebbe disporre dello stesso reddito lavorando la metà (ovvero: molte mogli non sarebbero costrette a lavorare per far quadrare il bilancio familiare).

Abramo Lincoln, come già prima di lui Andrew Jackson, utilizzando il potere
attribuitogli dalla Costituzione, stampò oltre 400 milioni di dollari di Stato per finanziare la Guerra Civile, senza debito né interessi a carico dei nord americani.

Sganciandosi dal letale legame con i finanzieri, anche J.F.Kennedy stampò dollari di Stato per rilanciare l’economia. Purtroppo scomparve prematuramente, e non mancano voci che ne addebitano l’assassinio (al pari di quello di Lincoln) alla cricca dei banchieri. (www.bankfreedom.com)

Con la cessione della sovranità monetaria, si è creata una situazione analoga a quella del ladro che ruba un’auto, la vende per 1000 euro, e questi soldi poi presta al proprietario, dietro interesse. Il cittadino che chiede un mutuo ad una banca per comprare una casa, ottiene un bene (il danaro), che non è costato nulla alla banca ma che lo costringerà, per restituirlo, a lavorare una vita. (Nota: l’esempio è di CLIFFORD HUGH DOUGLAS, Warnings Democracy, New York, 1997)

Ogni biglietto stampato dalla banca centrale, significa un debito di eguale valore per la collettività.

Ma è necessario, a questo punto, aver ben chiara la situazione reale. Il vero destinatario del privilegio di “battere moneta” non è la banca centrale cui viene attribuito (e del resto ciò non avrebbe gran senso), bensì il sistema bancario-finanziario nel suo complesso che, dietro il paravento di questa furberia della banca centrale, è messo in grado di gestire e lucrare la ricchezza del Paese, attraverso i pezzi di carta che stampa a costo zero (o quasi).

Non a caso un certo Amschel Rothschild, co-fondatore della setta degli “illuminati”, già nel 1773 affermava disinvoltamente: “mi si consenta di emettere e controllare la moneta di una nazione e non mi preoccuperò affatto di chi emana le leggi” (W.G.CARR, Pawns in The Game, cit., nonché: B. TARQUINI, La banca, la moneta, ecc., cit.)

Ma qualcuno, come abbiamo visto, già aveva capito il lucroso trucchetto.

Anche lo scopo dell’autonomia concessa alla banca centrale e principale pilastro della sovranità monetaria trasferitale, è quello di garantire l’indipendenza (ed ampia discrezionalità) al ben più importante sistema bancario.

Se non vi fosse la banca centrale a “dirigere” (in realtà accade il contrario) l’insieme delle banche, queste dovrebbero dipendere dallo Stato e dalle sue direttive e l’arbitrio totale di cui dispongono (soprattutto nella manovra e nella concessione del credito, per non parlare, poi, del collocamento dei titoli azionari) scomparirebbe del tutto.

Gli spropositati guadagni, diretti ed indiretti, e le speculazioni colossali (spesso illecite, come da ultimo il caso Lodi-Antonveneta ha ampiamente dimostrato) che il sistema realizza con il danaro di cui liberamente dispone (impossibili se il danaro fosse stampato dallo Stato), verrebbero cancellati. (WILLIAM GUY CARR, Pawns in the Game, Los Angeles, 1962).

Oggi, per di più, il sistema bancario-finanziario gode di una deregolamentazione sorprendente.

La così detta “legge bancaria”, le leggi sulla finanza e quelle sulle assicurazioni, sono nulla più che una sorta di codice di comportamento, del tutto autoreferenziale, che non provvede a tutelare in nessun modo il cittadino. I danni per la collettività sono enormi: gli scandali Sindona, Ambrosiano, Ferruzzi, Enron, Cirio, World Com, Parmalat, Lodi-Antonveneta, per limitarci ai casi più recenti e più noti, ne sono la conseguenza.

Di chi sono, se non dei risparmiatori, le centinaia di miliardi scomparsi in
queste occasioni?

Annullando una potestà propria della collettività, anzi, addirittura cedendola a speculatori privati, notoriamente pericolosi (ricordiamo il monito di Jefferson sui pericoli di una finanza non controllata…), le istituzioni hanno tradito e tradiscono il mandato loro conferito dai cittadini di tutelare e proteggere gli interessi della collettività che rappresentano.

Si può senz’altro ritenere che non possa configurarsi fattispecie che maggiormente si attagli all’ipotesi del reato di alto tradimento commesso dagli esponenti coinvolti.

La vicenda è di una gravità sconcertante e può protrarsi ancora oggi soltanto
grazie alla complicità dei media ed alla totale inconsapevolezza della collettività, ignara dei meccanismi monetari, sempre attentamente coperti da rigoroso riserbo e segretezza..
(R. STEINER, I punti essenziali della questione sociale, Milano, 1980). C’è da chiedersi come facciano i banchieri, nelle loro riunioni periodiche, a guardarsi in faccia senza scoppiare dalle risate. Come diceva J. Henry Ford, “è un bene che il popolo non comprenda il funzionamento del nostro sistema bancario e monetario perché, se accadesse, credo che scoppierebbe una rivoluzione prima di domani mattina”. Dello stesso parere anche l’anonimo banchiere citato da Tom Schauf (Nota:TOM SCHAUF, America’s Hope: To Cancel Bank Loans Without
Going To Court, New York, 2000), il quale confessa che “se gli americani scoprissero la verità su questi segreti, impiccherebbero i banchieri per quello che hanno fatto”.

In questo contesto kafkiano, con le istituzioni che tradiscono i loro cittadini,
affiorano anche aspetti tragicomici.

La bassa manovalanza monetaria, impegnativa, costosa e non redditizia, è lasciata allo Stato. Questo, infatti, conia le monete divisionarie (in Italia, prima dell’euro, stampava anche i “biglietti di Stato”da 500 e 1000 lire). Si tratta di una frazione minima della complessiva circolazione monetaria (non più del 5%, ammonisce e statuisce la BCE) e del tutto onerosa (anche per semplici questioni di trasporto): le monete più piccole hanno spesso un costo di produzione superiore al valore facciale.

Il costo del conio di una moneta varia da 20 a 35 centesimi, mentre quello della stampa di una banconota è di circa 3 centesimi.

Il conio delle monetine da 1 lira ne costava 50. Lo Stato, dunque può
direttamente acquistare beni e servizi nella piccola percentuale consentita (!!) dalla banca centrale: una sorta di mancia o lo scarico di un compito fastidioso e utile solo agli “schiavi” della collettività?

Incidentalmente, è bene ribadire che non stiamo parlando soltanto di chi abbia il potere di battere moneta e di come esso appartenga connaturalmente allo Stato.

Qui facciamo riferimento alla funzione fondamentale propria dello Stato di gestire la collettività. Ora, la cosiddetta “leva monetaria” (cioè la gestione della moneta), costituisce il più importante strumento per realizzare una politica economica.

Un’attività dalla quale dipende lo sviluppo della nazione ed il benessere dei cittadini.
Questa semplice ed ovvia considerazione fornisce la dimensione del problema di cui si tratta.

Naturalmente, non sono mancati degli assai stentati sforzi per cercare di
giustificare teoreticamente il disdicevolissimo trasferimento della sovranità monetaria ai banchieri.

Si è detto che lo Stato (cioè il governo) se disponesse della sovranità monetaria potrebbe abusarne per scopi elettorali. (JOACHIM BOCHACA, La finanza ed il potere, Padova, 1982).

L’argomentazione è inconsistente.

Innanzitutto, gli esponenti delle istituzioni hanno una responsabilità politica nei confronti degli elettori e le loro decisioni costituiscono il metro in base al quale i cittadini li giudicheranno.

Ed è opportuno sottolineare che questa responsabilità manca del tutto,
invece, per i responsabili delle banche centrali, che rimangono al loro posto anche se commettono gli errori più gravi.

Secondariamente, parlare di possibili abusi monetari dei governi è sommamente ridicolo a fronte dei ben più gravi soprusi che giornalmente costoro commettono ingannando e mistificando, scatenando guerre, assassinando liberi cittadini con l’etichetta di “terroristi”, ecc. ecc.

Comunque, non vi è infine dubbio che, per un governo, è sicuramente meglio il
“condizionamento” di finalità elettoralistiche che non quello degli interessi degli speculatori privati.
http://auriti.blogspot.com
Ignori del SIGNORAGGIO?
Allora, ignori che è in atto un complotto contro di te!!
Non sai della truffa e del delitto di lesa maestà, reso possibile da tutti i politici e da tutti i giornalisti che sono corrotti! Infatti, il signoraggio, non solo rende invisibile il doppio di tutto il denaro circolante nel mondo, ma rende invisibili anche le associazioni criminali che lo usano!
Devono rovinare i popoli attraverso la rarefazione monetaria, altrimenti non possono utilizzare il denaro che ci hanno rubano!
********************************************
Di fronte alla realtà del "SIGNORAGGIO", vedo le persone completamente stranite!
A)- Infatti, esse non hanno i concetti e le categorie mentali per capire il problema, essendo stato occultato fino ad oggi ad arte ed avendo i politici ingannato cos'ì bene l'opinione pubblica attraverso il teatrino penoso delle elezioni.
B)- Inoltre, in chi è molto forte la realtà del peccato nella sua vita, i demoni stessi gli impediscono di capire l'argomento!
Il signoraggio è la principale fonte di potere di Satana nel mondo!
**********************************
* Capire che la democrazia non è mai esistita perché, il signoraggio è presente in Italia da 100 anni e in Inghilterra da 200 anni.
* Capire che la democrazia non è mai esistita perché, il signoraggio prevede il suddito e non il cittadino!
* Capire che la democrazia non è mai esistita perché, senza sovranità monetaria non esiste sovranità popolare!
* Capire che la democrazia non è mai esistita perché i 3/4 della ricchezza e delle strutture (massoneria+multinazionali) e delle istituzioni sono da decenni saldamente nelle mani di una monarchia bancaria "governo ombra" di circa 40 famiglie di banchieri ebrei non è un concetto che trova un sentiero già percorso nella nostra mente.
Capire che la democrazia non è mai esistita perché siamo nella truffa meglio orchestrata di tutta l'umanità, indissolubilmente dimostrata dal fatto che la stessa parola "signoraggio" non si può e non si deve conoscere nel silenzio assordante dei potenti mezzi dell'ormai unico Net Work Mondiale e che inevitabilmente vede complici tutti i giornalisti.
*******************************************************
"morte e vita si sono affrontate il un prodigioso duello"
Ecco, in breve la situazione finanziaria del mondo:
Gli "illuminati" o vertice satanico-massonico, sono 40 famiglie (per lo più di banchieri ebrei), questi hanno:

1- il 50% della massa monetaria visibile del mondo! Come?
Attraverso la riscossione del debito pubblico [tasse] e attraverso le multinazionali, il monopolio dell'energia, della chimica, delle armi, delle banche! Ovvero del 65% del prelievo fiscale ben il 50% serve a pagare l'inventato debito pubblico!
2- hanno anche il doppio, di tutta la massa monetaria visibile nel mondo.
Come?
Mettono in passivo la carta colorata (banconote), in attivo i titoli di Stato (BOT E CCT) che il governo emette per pagare le banconote e quindi chiudono il bilancio a zero!
3- La conseguenza è che: "40 famiglie di banchieri detengono i tre quarti (3/4) di tutta la potenza finanziaria e istituzionale (massoneria) del mondo!

CONCLUSIONE:
Tutto questo, cerca di realizzare il progetto che già fu della "Torre di Babele" chiamato oggi New World Order!
Pertanto,
un POPOLO (invisibile come il signoraggio), di quasi un milione di satanisti-massoni, ha di fatto il controllo del nostro pianeta.
Il mondo non ha più un futuro!
Allora, preparati a prendere il micro chip!
è già stato preparato per te ed ha dentro il tuo nome in codice, con affianco il "666". Questo ti renderà bionico, e sostituirà la tua carta di credito e il conto in banca, ecc... ma secondo Apocalisse che ha parlato di ciò nei minimi dettagli tecnici già 2000 anni fa, tu in Paradiso con questo "coso" non potrai più entrare. Questo micro chip è il marchio della bestia e noi siamo vicini agli ultimi tempi! "Morte e Vita si sono affrontate in un prodigioso duello. Il Signore della vita era morto; ma ora vivo trionfa." - sequenza pasquale Questo documento è stato ideato scritto e pubblicato il giorno di Pasqua del Signore: 23 marzo 2008 ore 6,40.

http://www.youtube.com/watch?v=6e2TFVKyvrQ
Su indicazione di google.com gli articoli continueranno su
http://yeshua-ha-mashiach-notzri.blogspot.com/



In questo video l'On. Tremonti spiffera ai quattro venti, molte cose riguardo agli "illuminati", dice questo alla presenza di Bertinotti, che certamente sa più di lui e tace!
Vogliono vedere fino a che punto, pur parlando di queste realtà criminali, la società reale sia giunta ad uno stato di coma vegetativo e non sia più in grado di reagire!
Fino a che punto il loro lavoro sia perfetto, da aver annientato ogni senso critico e ogni capacità di reazione!

------------------------

!!! siamo all'intollerabile !!! Travaglio e tutti i giornalisti si ostinano a non parlare di signoraggio.
Ecco il “sistema” truffa, del signoraggio

= su 3 monete del tuo duro lavoro:
* la prima è invisibile per il signoraggio,
* la seconda è invisibile per il debito pubblico (tasse, iva, tichet)
* la terza quella che appare nelle tue mani, la devi restituire in parte alle loro multinazionali del petrolio, del farmaco, ecc...! Così, insieme ai tuoi figli, da cittadini, senza accorgervene, vi siete trasformati in sudditi o forse anche in schiavi: “carne da cannone”, altro che cittadino e sovranità popolare.
Se vuoi “vedere” questa zecca mostruosa e invisibile succhiare il sangue dei tuoi bambini, studia del signoraggio attraverso il docente universitario prof. Auriti e rivolgiti a Rocco Carbone = r.c.tre@virgilio.it che a fronte delle nude spese di supporto, ti invierà dei CD.
------------------------

* Constatato che, proprio ogni centro di potere o consorteria massonica (a tutti i livelli), nessuno escluso, hanno per ora l'impossibilità (sic...) di uscire dall'attuale "sistema criminale" della moneta debito, poichè sono essi stessi vittime [lacrime di coccodrillo] e carnefici, ma soprattutto complici, del "sistema" planetario delle Banche Centrali, al punto che, è impossible far sapere all'opinione pubblica: del signoraggio.

* Considerato che, per la sopravvivenza dei popoli, comunque, una alternativa bisogna concretamente trovarla e in tempi stretti. Con molto "dolore e fatica" in: http://deiverbumdei.blogspot.com

si faranno dei tentativi di qualche soluzione... [anche se io non potrei esserci più...] considerato che, il SIMEC, moneta locale, del Prof. Giacinto Auriti [dopo aver portato, per una stagione progresso e sviluppo nella felice Guardiagrele, prima tristemente afflitta dalla piaga del suicidio] fu ritirata su ordine della Cassazione, perchè dichiarato illegale.
IBAN : IT33E0358901600010570347584, (non detraibili)

http://sovranitamonetaria.org/video_tv/








Signoraggio Network title="Signoraggio Network"/>SovranitaMonetaria.org
Aiutaci! e ... sopratutto aiutati!





--------------------------------------------------
USURA







http://signoraggio.wordpress.com/tag/massoneria/



NON STARE SOLO A GUARDARE COME GLI ALTRI SI COMPROMETTONO PER TE! SE NON FAI LA TUA PARTE, L'IMMOLAZIONE DELLE NOSTRE VITE SARÀ INUTILE E AI TUOI FIGLI RIMARRÀ UN FUTURO DA INCUBO!
-IBAN: IT33E0358901600010570347584 (non deducibili)


senz'altro -
jhwhinri@gmail.com
ti risponderà!


Postepay:
4023-6004-5553-6625 (non detraibili)