scuola bulla


Ignori del SIGNORAGGIO?
Allora, ignori che è in atto un complotto contro di te!
Non sai della più grande truffa della storia dell'umanità e del delitto di lesa maestà alla sovranità popolare…

Sono io che devo ringraziaLa!
Affinché la mia risposta non fosse soltanto un atto dovuto da educazione, ma fosse piuttosto, un atto "riflesso", ho atteso questo tempo per interiorizzare la mia risposta e la mia gratitudine.
----------------------------------------------------
Ritengo che la piattaforma sia un luogo privilegiato di "ispirazione", per chi ha LA RESPONSABILITà e L'AUTORITà di poter prendere delle decisioni importanti.
-----------------------------------------------------
Questi argomenti ho aggiunto in piattaforma, nella speranza che il mio contributo possa servire alle future generazioni.
----------------------------------
---
SUO IN CRISTO LORENZO SCAROLA
Oggetto: DISAGIO SCOLASTICO
a) Metto in guardia il mio interlocutore sul fatto che, non sto affrontando il problema del bullismo.
Metodologicamente, mi pongo nelle vesti di genitore e non di docente.
Si intende approfondire quella situazione specifica di disagio familiare (in cui sempre più famiglie sono coinvolte), che poi, si ripercuote negativamente in classe, inibendo quasi sostanzialmente l'azione sia didattica che educativa.
----------------------------
1° PREMESSA:
*** Oltre ad essere docenti, con mia moglie, siamo -per dono di Dio- dei genitori.
Non abbiamo iscritto i nostri figli [Giovanni di seconda e Ketty di prima media] nella scuola di quartiere, ma siamo andati nella migliore istituzione di Bari. Entrambi i figli si trovano nello stesso corso "E", quindi hanno gli stessi docenti e lo stesso Preside che è una PERSONA degna di stima. Mentre Ketty vive in prima media una situazione ottimale, con lo stesso consiglio di classe, Giovanni vive in seconda media una situazione in continuo deterioramento, che potremmo definire, critica, poiché è una situazione deteriorativa.
*** Il caso più problematico di questa seconda è dato da un ragazzino bassino, che ha avuto il dono di essere stato adottato, affidato e inserito, insieme ad altri due fratelli, a dei genitori che sono una coppia di assistenti sociali. La impossibilità o il fallimento del controllo degli aspetti non scolarizzati di questo ragazzino, hanno portato altri sette compagni di classe a diventare i terribili otto. Il risultato è che i tre docenti che non riuscivano ad avere il controllo disciplinare della classe nel primo quadrimestre, oggi sono diventati sette. Dispettucci, parlare in qualsiasi momento e senza permesso, alzarsi e interrompere, gridare, insomma il tutto porta (ultimamente) ad una situazione di disturbo costante e generalizzato, cioè di critica situazione disciplinare... il condizionamento sulla "reale" azione didattica lo lascio immaginare a Voi!
SITUAZIONE ATTUALE:
*** Come genitori, non ci siamo mai incontrati "formalmente", per affrontare tale situazione, perché:
1- ogni genitore, in parte non è consapevole veramente di quello che succede in classe;
2- in parte l'alunno, non ha la maturità per assumere delle posizioni, ma piuttosto, assume una situazione di assuefazione alla sua situazione, adattandovisi inconsapevolmente;
3- abbiamo constatato l'impegno e l'intervento fattivo della istituzione durante tutto l'anno;
4- la situazione ha preso una piega degenerativa solo recentemente.
5- fondamentalmente i GENITORI ignorano la problematica che è in fase di deterioramento attuale e recentissimo, o alcuni di loro possono ritenere (a torto) che il loro intervento non sia migliorativo, anche se certamente non può essere risolutivo.
--------------------------------------------------------
2° PREMESSA:
Ieri, martedì 13 maggio a Bari era una giornata uggiosa e i ragazzi all'uscita da scuola avevano tutti i loro ombrelli. Un alunno di terza media lo usava per dileggiare una sua compagna di classe, in modo tale che solo un film pornografico estremo vi può far capire, poi approfittando di un attimo di distrazione della stessa, tenendolo in mezzo alle sue gambe lo ha conficcato con determinazione nei glutei della malcapitata, che ovviamente si è lamentata è ha tentato una impossibile reazione! Il tutto, alla presenza di centinaia di alunni e soprattutto genitori che assiepavano, necessariamente costretti a prelevare e portare i loro figli a questa scuola (la migliore di BARI), poiché è lontana da corpi di fabbrica. --- Ma un "addetto ai lavori" come me, si rende subito conto di quante ore nel chiasso, nella volgarità e nell'impotenza hanno di fatto trascorso gli alunni di quella terza media, dove atteggiamenti di inciviltà non sono attualmente strutturalmente arginabili dalla istituzione scolastica. Sarei un ingenuo, se puntassi il dito sugli operatori della scuola, ma non lo sono! Si, tratta solo di una "SQUOLA" e di una "Kultura", in cui gli stessi operatori, sono in realtà della vittime impotenti! Si tratta di un sistema scuola che deve essere ripensato partendo dal diritto allo studio e alla formazione e che esca dall'ipocrisia delle belle parole e che affronti i problemi reali che sono di fatto ideologici e cioè strutturali.
SITUAZIONE o PROSPETTIVA:
*** Il genitore può porsi nella eventualità di fuggire da una istituzione all'altra o di "ricattare" la dirigenza perché Giovanni venga trasferito il prossimo anno in un'altra classe?
*** I docenti possono respingere anche soltanto due (i peggiori) di questi otto e rischiare di andare a rovinare e pregiudicare la situazione "normale" della 1°E, i cui casi problematici sono, per il momento, sotto controllo?
*** Può un genitore adottante e assistente sociale, dare un ceffone Sacro Santo, come lo abbiamo ricevuto noi dai nostri genitori (senza riceverne per questo turbe e complessi), e senza essere per questo incriminato da un giudice?
*** Quale è la situazione di disagio e di sofferenza di un docente che entra in una classe e si trova ad essere svilito nella sua professionalità e dignità?
*** Ma, soprattutto che ne è del diritto allo studio e alla formazione degli altri 20 alunni?
OBIETTIVO:
A)- Evitiamo di trovare il pelo nell'uovo e di darci con la zappa sui piedi masochisticamente. Questa mia relazione apre indubbiamente a marginali responsabilità genitoriali e istituzionali, che certamente sono componenti minoritarie e non risolutive della realtà "DISAGIO SCOLASTICO".
- Si tratta, in realtà, di un sistema scuola che deve essere ripensato partendo dal diritto allo studio e alla formazione, che esca dall'ipocrisia delle belle parole e che affronti i problemi reali che sono di fatto ideologici e cioè strutturali.
DOMANDE:
1- Quale è il ruolo degli ispettori scolastici, oltre quello di fare la SIS e di venire quando inevitabilmente ci sono le carte bollate?
2- In 21 anni di insegnamento mai nessuno mi ha chiesto: "Come stai? Che ne pensi? Che soluzioni prospetti?"
3- Chi scende alla base, dalle alte sfere a guardare in faccia la scuola reale del nostro Paese?
4- Ma, "qualcuno" ha mai pensato che la professione docente per il 30% della categoria è divenuta una condizione a rischio e che questo nasconde un dramma educativo senza precedenti nella scuola italiana?
5- In compensazione alla Dirigenza Scolastica (ben utilizzata dalla maggior parte dei Presidi), cosa abbiamo come argine a situazioni di abuso e distorsione? La esperienza ci dice che le istituzioni gerarchiche superiori, sono "ingessate" nei confronti dei presidi, forse sono "condizionabili"?
6- L'Istituzione non dovrebbe supportare con azioni di sostegno e tutoraggio, indifferentemente donate sia al Docente che al Dirigente in difficoltà (io non sono un forcaiolo), e se poi se si riscontra una incapacità o situazioni di abusi sistematici, si può passare ad utilizzazioni diverse come segreteria e biblioteca, o no?
7- In una delle tre scuole dell'anno scorso 06/07, non mi hanno pagato ancora le eccedenze e non so quando questo avverrà. Se mi dovessi mettere a denunciare dovrei fare una decina di denunce all'anno e poiché sono la conseguenza implicata di situazioni strutturali, cosa ne ricaverei? Si, denunce senza esito, con l'unico obiettivo di trovarmi il fegato rovinato.
---------------------------------------------------------------------
Nella certezza che il servizio della Scuola Italiana è legato al destino delle future generazioni, approfitto della presente per salutare TUTTI, simpaticamente.
Vostro Lorenzo Scarola
jhwhinri@gmail.com

http://fedele.altervista.org
http://auriti.blogspot.com
-----------------------------------
Prevedo lucidamente come il "sistema" Italia giungerà alla sua totale ingovernabilità fra 20 anni.
* Quando ho formulato una domanda specifica ad un Direttore dei Servizi Amministrativi (Provveditore), ne ho ricevuto in cambio il silenzio!
* In seguito (sono un po ritardato), ho compreso quel silenzio, era come se mi dicesse: "ma, credi che io possa cambiare l'impianto ideologico della scuola che è un problema politco?"
----------------------------------------
Guai ad uscire fuori dal coro!
OGGI, È ASSAI PIÙ FACILE COPRIRE LA FERITA, CHE CURARLA!

LA VERITÀ È QUELLA CHE:
"TUTTI I FUTURI COMPORTAMENTI ILLEGALI E IMMORALI DELLA SOCIETÀ, IN REALTÀ TROVANO NELLA SCUOLA IL LORO BANCO DI PROVA."

Dimmi che tipo di scuola hai e io ti dirò che Paese sei!
Per quanto mi riguarda, oggi si da molta enfasi al contorno (attività pomeridiane) e in molte, troppe realtà viene meno la sostanza, cioè il diritto allo studio!
IL PROBLEMA più URGENTE della SCUOLA ITALIANA!
La SCUOLA BULLA!
vedi articolo originale in uno dei miei blog:
http://tutelasovranit.blogspot.com/search/.../SCUOLA%20BULLA
Ma, chi deve giudicare questo fenomeno (assolutamente sotto stimato) ha perso il buon senso?
Mi riferisco:
1- alla sentenza 1988/2008, in un articolo apparso il 19 marzo 2008.
Certo, sono consapevole che noi siamo pagati per essere bestemmiati, oltraggiati, vandalizzati o picchiati... giusto!!!
Ma, il giudice (lo scrivo in lettere minuscole, come il minuscolo meritano tanti teorici della scuola, che dietro le cattedre e i banchi che scottano non sono stati mai), ignora che solo un decimo (cioè 1/10) della violenza del bullo arriva al docente! Infatti, nella sentenza sembra come se nella classe ci fosse solo il docente e il bullo... gli altri? Sagome di cartone!
Violentati sono gli alunni, le future generazione che, a questo punto, con la cecità della legge-istituzione si vuole vandalizzare!
2- al caso di quella docente (Le) impietrita dalla paura alla cattedra e che - forse - secondo il giudice era invece consenziente nel farsi "palpeggiare"? Avrebbe dovuto! Avrebbe dovuto?
3- Io stesso, che non sono un "tenerello", dotato di grande "forza" e "determinazione", armato di GRANDE entusiasmo e motivazioni, assai gratificato nel mio ruolo ventennale di insegnante di IRC. Io stesso, che non ho mai avuto problemi di disciplina, che ho il rispetto di tutti gli operatori della scuola, l'ascendenza sugli alunni, ed un grande successo educativo dimostrato dai miei quasi 8000 alunni di questi 20 anni di insegnamento, ho dovuto subire impotente atti di bullismo in diverse istituzioni della provincia barese... Certo, per colpa di alcuni Presidi, che come alcuni giudici sono bravi nel puntare solo il dito sugli altri! Come è facile per la nostra Istituzione Gerarchica puntare il dito su noi, invece di progettare e programmare un diverso modo di fare scuola e di reimpostare le istituzioni scolastiche, per poter veramente garantire il diritto allo studio degli aventi diritto, cioè degli attori o delle vittime del fenomeno del bullismo!
Ora, se questo è successo ad un "super docente" come me, vi posso garantire che può succedere a chiunque! Vi auguro solo di non finire in certe classi e in certe situazioni.
Il docente, che in quella 5° di un istituto industriale, è ormai stabilizzato da quattro anni e che gestisce una materia fondamentale, non ha nulla da temere, può fare melina, può fare buon viso a cattivo gioco, può trovare compromessi che salvaguardino la sua serenità, le esigenze di iscrizione dell'Istituto (vietato vietare e vietato bocciare!) e le esigenze di ciucciaggine dei complici ragazzi. La situazione di questa 5°, diventerà una trappola in situazioni specifiche, infatti gli alunni, cioè quei delinquenti nel branco (ma bravissimi ragazzi presi singolarmente), valuteranno assai differentemente la situazione di quel supplente o di quel docente di materia non professionalizzante. In questo caso, il supplente potrà trovarsi circondato dal terrore generato dall'impotenza, rischierà di non poter essere forse neanche creduto/a dai suoi colleghi o al massimo compatito! Quali impossibili azioni giudiziarie e sospensioni di tutta la classe o radiazioni dalla scuola sono possibili per certi crimini di massa? Il preside di turno generalmente fa come Ponzio Pilato! Il problema, è sicuramente del docente, infatti, non è che un caso isolato!
A situazioni di condizionamento reale, non si possono dare risposte teoriche! A situazioni di condizionamento reale, ci deve essere una risposta educativa reale! Ma, quei volponi dei docenti smaliziati e ipocriti in alcuni casi, assolutamente impotenti nell'altro caso, sanno come rispondere all'istituzione delle carte ipocrite da mettere a posto e così "tirano a campare".
Non parlo affatto di repressione, ma di strutture e personale precipuamente preparato e motivato, che sappiano far trovare a questi soggetti "il gusto della scoperta e della conoscenza". Ma, la corrente maggioritaria e ideologica della scuola ci accuserà di voler fare dei ghetti, di emarginare questi "bulli", e invece è tutto il contrario, si tratta di evitare che la capra si mangi i cavoli o che le pecore si trasformino in capre. Mentre sono le capre che devono trasformarsi in pecore! Ma la situazione attuale è solo una montagna di fallimento, ciucciaggine, ipocrisia e criminalità!
Posso garantirvi che il problema è realmente, qualitativamente e quantitativamente, sottostimato nelle sue implicanze devastanti e quello che posso augurarmi per Voi e che Voi non lo abbiate mai a conoscere!
In questo senso, i nostri SUPERIORI non riescono a decodificare le statistiche che indicano come gli alunni italiani siano i più poveri culturalmente, rispetto ai loro coetanei europei!

Pugnalate alle spalle sono quelle famiglie italiane che:
1- nella secondaria di 1° grado hanno la sfortuna di avere i loro figli dove è presente un bullo "violento",
2- nella secondaria di 2° grado dove intere classi sono corrotte moralmente da atteggiamenti di complicità a "ribasso" dei docenti, di questa scuola che si preoccupa di garantire la promozione e non la formazione!
Infatti, la proporzione del danno educativo e didattico non è percepibile realmente dall'alunno e di riflesso dalle loro famiglie che, comunque, ad anno inoltrato sono impotenti a risolvere la situazione o a evadere in altri contesti più "puliti".

La scuola italiana, di fronte a questa emergenza reale quanto drammatica è impotente e risponde soltanto con tanta ipocrisia (tranne qualche rarissimo caso) è il classico struzzo che mette la testa sotto la sabbia.
La scuola italiana, invece, dovrebbe dare risposte concrete alle esigenze didattiche ed educative del bullo, che necessita di personale specifico, preparato e motivato.
Non dimentichiamo che se il "bullo" non può giustamente essere chiamato criminale a 12 anni, tuttavia criminali sono i suoi atteggiamenti, cioè fortemente distruttivi delle personalità in evoluzione dei suoi compagni, che assistono nel terrore anche alla impotenza dei loro professori!

Forse che, la vandalizzazione delle future generazioni è un fatto programmato?

Onore al collega, il migliore fra di noi, che con uno stipendio da sussistenza, ha di fatto affrontato economicamente i tre gradi di giudizio che lo hanno visto soccombente!
Purtroppo, la sua azione non ha mosso a scomode riflessioni le alte sfere!
Ma, mentre nella scuola italiana si tutelano gli atteggiamenti criminali (dove questi sono presenti).
Altresì, si ignorano le esigenze educative e didattiche di quelle future generazioni che vengono a contatto in vario modo con questo che è un fenomeno di inciviltà anche genitoriale.
Ma proprio la scuola, nei suoi doveri costituzionali, ha il compito di tutelare la formazione di tutti, seguendo l'iter educativo e didattico individuale, mentre ora, contribuiamo anche come scuola a quello schifo di questa società che tanto temiamo di ritrovare per i nostri figli e i nostri nipoti.
Soprattutto si ignorano le esigenze educative del "bullo", che proprio nel suo atteggiamento esasperato dichiara la sua frustrazione per una istituzione che non è in grado di servirLo e che non è adatta a lui, per il suo specifico percorso educativo e didattico.

La conclusione è quella che molti alunni "normali", devono essere brutalizzati e deviati moralmente o devono soccombere in turbe psicologiche, di violenze senza recupero, che spezzano sul nascere il loro diritto a formare nella dignità la propria libera personalità!
Ho pensato questo articolo da tempo, ma non ho potuto frenarmi dal comunicarveLo, poiché vado constatando come pochissimi forum stanno deviando nel frivolo.
Questa piattaforma è per noi una grande occasione di democrazia e di confronto, di un argomento che non deve essere trattato con le pinze dello scolastichese, affinché qualcuno che è nelle alte sfere, si apra alla comprensione reale del fenomeno.
Questa occasione, di fare sentire la nostra voce su questa piattaforma, ci è offerta solo per quest'anno!
Io credo che i nostri superiori gerarchici siano in buona fede e che non comprendono la reale criminalità e drammaticità del fenomeno del bullismo e di come sia indispensabile rispondere agli standard europei per stanare presidi e insegnanti che nella scuola italiana "deviata" da una falsa impostazione ideologica, anch'essi in buona fede, si sono scoraggiati fino a imboscarsi fatalisticamente.
Eppure, per concludere, non credo che ci vogliano risorse economiche aggiuntive e neppure strutture particolari, credo che il problema più grave della scuola italiana di poter vedere realmente in faccia questo drammatico fenomeno, sia solo di ordine ideologico.
http://ilmegliodelbene.blogspot.com
http://cambiaregistro.blogspot.com

---------------------------------------------
2008/5/15 ………….

Gentile Lorenzo,
grazie della comunicazione.

Cordialmente
…………………..

-
"Tutto concorre al bene di coloro che amano Dio"
http://www.youtube.com/watch?v=6e2TFVKyvrQ
SIGNORAGGIO
http://fedele.altervista.org
Sfuggiamo al giudizio della legittima IRA di Dio e convertiamoci!
http://auriti.blogspot.com


Ignori del SIGNORAGGIO?
Allora, ignori che è in atto un complotto contro di te!!
Non sai della truffa e del delitto di lesa maestà, reso possibile da tutti i politici e da tutti i giornalisti che sono corrotti! Infatti, il signoraggio, non solo rende invisibile il doppio di tutto il denaro circolante nel mondo, ma rende invisibili anche le associazioni criminali che lo usano!
Devono rovinare i popoli attraverso la rarefazione monetaria, altrimenti non possono utilizzare il denaro che ci hanno rubano!
********************************************
Di fronte alla realtà del "SIGNORAGGIO", vedo le persone completamente stranite!
A)- Infatti, esse non hanno i concetti e le categorie mentali per capire il problema, essendo stato occultato fino ad oggi ad arte ed avendo i politici ingannato cos'ì bene l'opinione pubblica attraverso il teatrino penoso delle elezioni.
B)- Inoltre, in chi è molto forte la realtà del peccato nella sua vita, i demoni stessi gli impediscono di capire l'argomento!
Il signoraggio è la principale fonte di potere di Satana nel mondo!
**********************************
* Capire che la democrazia non è mai esistita perché, il signoraggio è presente in Italia da 100 anni e in Inghilterra da 200 anni.
* Capire che la democrazia non è mai esistita perché, il signoraggio prevede il suddito e non il cittadino!
* Capire che la democrazia non è mai esistita perché, senza sovranità monetaria non esiste sovranità popolare!
* Capire che la democrazia non è mai esistita perché i 3/4 della ricchezza e delle strutture (massoneria+multinazionali) e delle istituzioni sono da decenni saldamente nelle mani di una monarchia bancaria "governo ombra" di circa 40 famiglie di banchieri ebrei non è un concetto che trova un sentiero già percorso nella nostra mente.
Capire che la democrazia non è mai esistita perché siamo nella truffa meglio orchestrata di tutta l'umanità, indissolubilmente dimostrata dal fatto che la stessa parola "signoraggio" non si può e non si deve conoscere nel silenzio assordante dei potenti mezzi dell'ormai unico Net Work Mondiale e che inevitabilmente vede complici tutti i giornalisti.
*******************************************************
"morte e vita si sono affrontate il un prodigioso duello"
Ecco, in breve la situazione finanziaria del mondo:
Gli "illuminati" o vertice satanico-massonico, sono 40 famiglie (per lo più di banchieri ebrei), questi hanno:

1- il 50% della massa monetaria visibile del mondo! Come?
Attraverso la riscossione del debito pubblico [tasse] e attraverso le multinazionali, il monopolio dell'energia, della chimica, delle armi, delle banche! Ovvero del 65% del prelievo fiscale ben il 50% serve a pagare l'inventato debito pubblico!
2- hanno anche il doppio, di tutta la massa monetaria visibile nel mondo.
Come?
Mettono in passivo la carta colorata (banconote), in attivo i titoli di Stato (BOT E CCT) che il governo emette per pagare le banconote e quindi chiudono il bilancio a zero!
3- La conseguenza è che: "40 famiglie di banchieri detengono i tre quarti (3/4) di tutta la potenza finanziaria e istituzionale (massoneria) del mondo!

CONCLUSIONE:
Tutto questo, cerca di realizzare il progetto che già fu della "Torre di Babele" chiamato oggi New World Order!
Pertanto,
un POPOLO (invisibile come il signoraggio), di quasi un milione di satanisti-massoni, ha di fatto il controllo del nostro pianeta.
Il mondo non ha più un futuro!
Allora, preparati a prendere il micro chip!
è già stato preparato per te ed ha dentro il tuo nome in codice, con affianco il "666". Questo ti renderà bionico, e sostituirà la tua carta di credito e il conto in banca, ecc... ma secondo Apocalisse che ha parlato di ciò nei minimi dettagli tecnici già 2000 anni fa, tu in Paradiso con questo "coso" non potrai più entrare. Questo micro chip è il marchio della bestia e noi siamo vicini agli ultimi tempi! "Morte e Vita si sono affrontate in un prodigioso duello. Il Signore della vita era morto; ma ora vivo trionfa." - sequenza pasquale Questo documento è stato ideato scritto e pubblicato il giorno di Pasqua del Signore: 23 marzo 2008 ore 6,40.

http://www.youtube.com/watch?v=6e2TFVKyvrQ
Su indicazione di google.com gli articoli continueranno su
http://yeshua-ha-mashiach-notzri.blogspot.com/



In questo video l'On. Tremonti spiffera ai quattro venti, molte cose riguardo agli "illuminati", dice questo alla presenza di Bertinotti, che certamente sa più di lui e tace!
Vogliono vedere fino a che punto, pur parlando di queste realtà criminali, la società reale sia giunta ad uno stato di coma vegetativo e non sia più in grado di reagire!
Fino a che punto il loro lavoro sia perfetto, da aver annientato ogni senso critico e ogni capacità di reazione!

------------------------

!!! siamo all'intollerabile !!! Travaglio e tutti i giornalisti si ostinano a non parlare di signoraggio.
Ecco il “sistema” truffa, del signoraggio

= su 3 monete del tuo duro lavoro:
* la prima è invisibile per il signoraggio,
* la seconda è invisibile per il debito pubblico (tasse, iva, tichet)
* la terza quella che appare nelle tue mani, la devi restituire in parte alle loro multinazionali del petrolio, del farmaco, ecc...! Così, insieme ai tuoi figli, da cittadini, senza accorgervene, vi siete trasformati in sudditi o forse anche in schiavi: “carne da cannone”, altro che cittadino e sovranità popolare.
Se vuoi “vedere” questa zecca mostruosa e invisibile succhiare il sangue dei tuoi bambini, studia del signoraggio attraverso il docente universitario prof. Auriti e rivolgiti a Rocco Carbone = r.c.tre@virgilio.it che a fronte delle nude spese di supporto, ti invierà dei CD.
------------------------

* Constatato che, proprio ogni centro di potere o consorteria massonica (a tutti i livelli), nessuno escluso, hanno per ora l'impossibilità (sic...) di uscire dall'attuale "sistema criminale" della moneta debito, poichè sono essi stessi vittime [lacrime di coccodrillo] e carnefici, ma soprattutto complici, del "sistema" planetario delle Banche Centrali, al punto che, è impossible far sapere all'opinione pubblica: del signoraggio.

* Considerato che, per la sopravvivenza dei popoli, comunque, una alternativa bisogna concretamente trovarla e in tempi stretti. Con molto "dolore e fatica" in: http://deiverbumdei.blogspot.com

si faranno dei tentativi di qualche soluzione... [anche se io non potrei esserci più...] considerato che, il SIMEC, moneta locale, del Prof. Giacinto Auriti [dopo aver portato, per una stagione progresso e sviluppo nella felice Guardiagrele, prima tristemente afflitta dalla piaga del suicidio] fu ritirata su ordine della Cassazione, perchè dichiarato illegale.
IBAN : IT33E0358901600010570347584, (non detraibili)

http://sovranitamonetaria.org/video_tv/








Signoraggio Network title="Signoraggio Network"/>SovranitaMonetaria.org
Aiutaci! e ... sopratutto aiutati!





--------------------------------------------------
USURA







http://signoraggio.wordpress.com/tag/massoneria/



NON STARE SOLO A GUARDARE COME GLI ALTRI SI COMPROMETTONO PER TE! SE NON FAI LA TUA PARTE, L'IMMOLAZIONE DELLE NOSTRE VITE SARÀ INUTILE E AI TUOI FIGLI RIMARRÀ UN FUTURO DA INCUBO!
-IBAN: IT33E0358901600010570347584 (non deducibili)


senz'altro -
jhwhinri@gmail.com
ti risponderà!


Postepay:
4023-6004-5553-6625 (non detraibili)