Police Close Iskenderun Protestant Church

[The wicked pact with Europe anti-Christian. The axis between the Vatican and Monti:] Magdi Cristiano Allam. 28/12/2012. The axis between the Vatican and Mountains: the wicked pact with Europe anti-Christian. (Il Giornale) - If God's ways are endless, however, remains difficult to understand how they can interbreed and even marry the Magisterium of the Church, Catholic morality, the social doctrine that inspired by faith in God and manned by dogma by Pope put at the center person, the natural family and the common good, with unscrupulous ideology of Mario Monti in the wake of the Chinese model combines capitalism and statism, by focusing on the money, banks and markets.[The wicked pact with Europe anti-Christian. The axis between the Vatican and Monti:] The warning of Jesus, "You can not serve God and mammon" (Matthew 6.24 and Luke 16.13) resonates so disruptive in the consciences of the faithful and, more generally , people of good will. One can not but be amazed by reading the explicit support of the official organ of the Vatican State, the Osservatore Romano, in an article in which enhances the expression of the Mountains "climb in politics," evaluating it as "a call to recover the highest and most noble sense of the policy is still, even etymologically, for the common good. " So how do you sing the praises of the head of state Napolitano "another political figure who enjoys wide popularity and to which we all recognize the merit of having found right in the Senator[The wicked pact with Europe anti-Christian. The axis between the Vatican and Monti:] to life the man to ferry Italy out by the waves of the financial storm. " It 'amazing to see that it was love at first sight. Monti received in the Vatican last January, Benedict XVI addressed him with words of appreciation: "You have made a good start in a difficult situation and almost insoluble." Yet Monti, after being dropped from the financial powers to the strong leadership of the government in a more than questionable, had already restored the tax on first homes increased by 60% after the revaluation of land estimi, had increased the retirement age in retroactively

Police Close Iskenderun Protestant Church

[The wicked pact with Europe anti-Christian. The axis between the Vatican and Monti:] in violation of the terms with millions of citizens, had announced an increase in VAT and fuel prices boosted by the cost of living, sparked the police tax regime that controls all accounts current and must rely on banks transactions over a thousand euro. As well as in the subsequent discussion the Vatican secretary of state, Cardinal Tarcisio Bertone, had expressed Monti 'attention and encourage action difficult, which costs sacrifices, to cope with the economic crisis: a major commitment from the point of view of morality. " The basis of the association between the Church and Monti were thrown into the Forum of Catholic associations held in Todi October 17, 2011, commissioned by the President of the Italian Episcopal Conference, Cardinal Angelo Bagnasco, which saw the participation of three future ministers of the Government Monti:
[The wicked pact with Europe anti-Christian. The axis between the Vatican and Monti:] the then CEO of Banca Intesa, Corrado Passera, the Rector of the Catholic University Lorenzo Ornaghi and the founder of the Sant'Egidio Community Andrea Riccardi. Since then, the Cardinal Bagnasco is at the forefront in the defense of mountains, answering even "on-call" the Corriere della Sera, as has happened on December 10 last year to counter the frontal attack of Silvio Berlusconi at the head of the government: "The biggest concern is the seal of our country and therefore social cohesion. (...) The caretaker government has put away from humiliating capitulations and highly risky. You can not send to hell the sacrifices of one year, which are often fallen on the most fragile. (...) It is confirmed that the root of the crisis is not only economic and social, cultural and moral. "[The wicked pact with Europe anti-Christian. The axis between the Vatican and Monti:] For Bagnasco Monti would be a promoter of cultural and moral reform that would also result in the salvation of economic and social development? He has doubled the number of Italians who suffer from hunger, which forced 47,000 families to abandon their homes because they have no money to pay the mortgage, which has tripled the number of young unemployed or unemployed, which condemns to death an average of 200 companies per day? And there has perhaps forgotten that Monti was the European Commission, chaired by another Catholic dear to the Church, Romano Prodi, when this Europe relativist vetoed the reference to Judeo-Christian roots in the draft of the new constitution which was later rejected by popular referendum ?[The wicked pact with Europe anti-Christian. The axis between the Vatican and Monti:] What is it that binds the Church in Monti? The blackmail of having to pay in full the IMU on buildings owned by the Church whose value is equal to about one third of the value of real estate in Italy and therefore would result in a financial drain? And 'This is the most likely hypothesis. But even if this were not so, the Church knows that the association with Monti consolidates disorientation and farther and farther away the faithful. Certainly will not have the understanding and the consent of families, entrepreneurs, esodati and young people who are the main victims of frantic strategy of austerity has reduced the person to an instrument of the coin, stripping Italy of parallel their sovereignty to feed it in this Europe of bankers and financial institutions globalized where he served and who support Monti. twitter @ magdicristiano
========================
 
The false church within the Church is at work more than everStephen Arnoldi29/12/2012 15:55:39The false church within the Church is at work more than everNow we can truly say: after seeing her work in the political field (the incredible and scandalous support for Monti and Europe in pursuit of a Masonic program! - To deepen the incompatibility between Masonry and the Christian doctrine read the Vatican document at this link), the false church within the Church threw the mask and now in the light of the sun, with devilish boldness, manifests its poisonous heresies and betrayals.Betrayal primarily to Christ (rightly John Zeno, director of the publishing house Faith & Culture, writes that the tribe of Judah has now played dramatically in the form of cancer, and once again Christ is betrayed by a handful of coins), but also betrayal to the faithful for whose salvation of the soul and of the conquest of the Eternal Paradise does not matter to anyone, least of all those priests, bishops and cardinals who have made themselves instruments of a false faith (watered down by sentimentality and often to the point of doing good ' infantilism), a false doctrine (poisoned by visions increasingly Protestant, from mundane logic and that superb careerism in the conquest of power and vainglory), and finally, inevitably, a false church (where morality and truth have left way to "logic" of life that have nothing to Catholic infected as are complacent openings that if you are called up to yesterday "sin" but today it is more: the subversion of the true with the false and the good with evil was done).Faced with this scenario, Catholics attend or astonished, perhaps the most naive, not even aware of what is being perpetrated against them: here is at stake is the salvation or eternal damnation in the dramatic confrontation, as noted by the card . Caffarra (Archbishop of Bolgna), between the culture of death and the Gospel of life, between the devil and Christ.Battleground: the life of each of us. Bone of contention: the soul.The story, for the human intellect, it is almost embarrassing in its simplicity, but a heart immersed in a society that is refractory to Truth, overshadowed by so many lies and led by shepherds wandering around lost for more arrogate to guide despite having secretly made traitors of the one true God that claims for Himself and for Himself only the role of the Savior (with lots of greetings to the court of the gentiles of the card. Ravasi), a heart so clouded that can not lose the key to the problem and fall inexorably in the web of spider prey and then to become a slave forever.And all this because it happens? Because faith is in retreat, even in ecclesiastical circles, especially in ecclesiastical circles: one no longer believes in the Last Things (raise your hand if you can no longer hear the words death, judgment, hell, heaven homilies), we no longer believe in 'only true doctrine able to give precise answers to specific questions (that magnificent Catechism of St. Pius X who still teaches us the true doctrine, has been removed and even mocked by a clergy that is defined to' "avant-garde" with the result that the teachings of the Gospel and Christ's words are deformed and altered, depending on the expectations of worldly time), we no longer believe in the Mass (in fact, you hate it the same as always, in Latin ... too dangerous because it converts the heart!) and thanks that emanate from it (now in the Churches functions with the "ritual date" are performances pregnant with insolence towards the Landlord with deformation liturgical hard to bear, as Mgr. Bux) ...But the work of the false church in the demolition of the faith and of the true Church continues unabated: his coming to terms with the world is manifest and professing Catholics, basic or bose (... and we spread a veil!), Today means nothing if you do not wear a mask of false respectability to conceal an inner emptiness ethical and spiritual afraid.In a note he did discuss (always discuss the Good, evil always goes hand in silence ...), Msgr. Crepaldi (bishop of Trieste) had referred to them as "two Churches" now that express two different theologies. Clearer than that!All this, as we well know (or maybe we have forgotten?), Was predicted by Christ: "... But when the Son of Man comes, will he find faith on earth?" (Lk 18: 8) leaving understand that the whole world, the Church, were hit by a terrible crisis of faith.However, "... the gates of hell shall not prevail against it" (Mt 16, 18). Not prevalebunt, the forces of evil can not crush and eliminate the true Church, which, though increasingly persecuted and resized (just open your eyes and rise even an inch hypocrisy in which we love splashing) is alive because Christ himself lives in it ( For if the Church was only a human institution would have been wiped out by the hatred of many in history has been and is poured on it to silence her, condition it or destroy it ... that's for sure).Moreover, even the Virgin Mary at Fatima said "In the end my Immaculate Heart will triumph" confirming the period of crisis, that of apostasy, which would pass by the boat of Peter and pointing out to you the same as a rudder to help get out of that storm.Let us, therefore, aware of what is happening and act accordingly, because every Christian, willy-nilly, must make a choice, since he was printed in my mind and heart these words: "... Blessed are you when men revile you and persecute you and utter all kinds of evil against you because of me. Rejoice and be glad: for great is the reward prepared for you in heaven "(Mt 5, 11-12) ... and they are the words of the card. Martini, but Jesus ... these yes, resound with eternal life ...Stefano Arnoldi - Director of the Servants Lane=====================THOUGHTS TO ONE YEAR FROM THE STATEMENTTHE CONGREGATION FOR THE DOCTRINE OF THE FAITH
Incompatibility between CHRISTIAN FAITH AND MASONRY

On 26 November 1983 the Congregation for the Doctrine of the Faith published a statement on Masonic associations (cf. AAS LXXVI [1984] 300).A little over a year after its publication may be useful to outline briefly the significance of this document.Since the Church began to declare concerning Freemasonry his negative judgment has been inspired by many reasons, both practical and doctrinal. She judged the Freemasons merely responsible for subversive activities against him, but since the first pontifical documents on the matter, and in particular in the Encyclical "Humanum Genus" of Leo XIII (April 20, 1884), the Magisterium of the Church has denounced in Masonry ideas philosophical and moral conceptions opposed to Catholic doctrine. For Leo XIII, they essentially led back to a rationalistic naturalism, the inspiration of his plans and activities of the Church. In his letter to the Italian people "Guardians" (8 December 1892), he wrote: "Let us remember that Christianity and Freemasonry are essentially incompatible, so that enrollment in one means separation from the other."One could not therefore omit to take into account the positions of Freemasonry from the doctrinal point of view, in the years 1970-1980 when the S. Congregation was in correspondence with some Episcopal Conferences particularly interested in this problem because of the dialogue initiated by Catholic personalities with representatives of some lodges that you said was not hostile or even favorable to the Church.Now more thorough study led the Sacred Congregation for the Doctrine of the Faith to confirm its conviction of the basic principles of Freemasonry and between those of the Christian faith.Apart, therefore, from the consideration of the practical of the various lodges, hostility or less against the Church, the Sacred Congregation for the Doctrine of the Faith, with its declaration of 26.11.83, intended to be placed at the deepest level and the other essential part of the problem: that is, in terms of the principles, which means the level of faith and its moral demands.From this point of view of theory, in continuity with the rest of the traditional position of the Church, as evidenced by the aforementioned documents of Leo XIII, then derive the necessary practical consequences, which apply to all those faithful who were possibly members of Freemasonry.About sull'inconciliabilità the affirmation of the principles but is now being somewhere arguing that essential of Freemasonry would be just the fact of not imposing any "principle" in the sense of a philosophical or religious position which is binding on all its members , but rather to gather together, beyond the boundaries of different religions and world views, people of good will on the basis of humanistic values ​​comprehensible and acceptable to all.Freemasonry would constitute an element of cohesion for all those who believe in the Universe and feel committed against those fundamental moral orientations which are defined, for example in the Decalogue, it does not separate anyone from his religion, but on the contrary would be a incentive to embrace more.We will not be discussed the many historical and philosophical problems that lurk in these statements. That the Catholic Church also pressing in the direction of a collaboration of all men of good will, is certainly not necessary to emphasize that following the Second Vatican Council. The member of Freemasonry, however, far beyond this legitimate collaboration and has a much more important and decisive than that.First of all, it should be noted that the community of "free masons" and its moral obligations are presented as a progressive system of symbols of an extremely challenging. The rigid rule of that dominates further strengthens the weight of the interaction of signs and ideas. This climate of secrecy entails above all, to the subscribers of the risk of becoming an instrument of strategies unknown to them.Although it is stated that relativism is not taken as dogma, but it is proposed that a relativistic symbolic concept, and therefore the value of such a relativizing moral-ritual community far from being eliminated, it is crucial to the contrary.In this context, the different religious communities to which the individual members of the Lodges, can not be considered only as mere institutionalization of a broader truth and elusive. The value of these institutionalization appears, then, inevitably relative with respect to this broader truth, which instead is shown in the community of good will, that in the Masonic fraternity.For a Catholic, however, it is not possible to live his relationship with God in a twofold mode and divided into a form that is humanitarian - supraconfessional and an internal form - Christian. He can not cultivate relations of two types with God nor express his relation with the Creator through symbolic forms of the two species. That would be something completely different from that collaboration, which for him is obvious, with all those who are committed to doing good, even if from different principles. On the other hand, a Catholic Christian can not at the same time participate in the full communion of Christian brotherhood and, on the other hand, look upon his Christian brother, from the Masonic perspective, as a "profane."Even when, as has already been said, there were no explicit obligation to profess relativism as a doctrine, but the relativizing force of such a brotherhood, for its own intrinsic logic has in itself the capacity to transform the structure of the act of faith so radically as to be acceptable to a Christian, "which is loved by his faith" (Leo XIII).This distortion of the fundamental structure of the act of faith is carried out, also, for the most part, in a gentle way and without being noticed: firm adherence to the truth of God, revealed in the Church, it becomes mere fact of belonging to an institution, considered as a particular expressive form in addition to other forms of expression, more or less equally possible and valid, of man's eternal.The temptation to go in this direction is much stronger today, as it corresponds fully to certain beliefs prevalent in contemporary mentality. The belief that truth can not be known is a typical characteristic of our era and, at the same time, an essential element of its general crisis.Just considering all these elements, the Declaration of S. Congregation says that up to Masonic organizations "remains forbidden by the Church" and the faithful who enroll "are in a state of grave sin and may not receive Holy Communion."With this last statement, the S. Congregation points out to the faithful that this registration is objectively a grave sin, and specifying that the members of a Masonic association can not receive Holy Communion, it intends to enlighten the consciences of believers of a grave consequence that they must derive from their membership of a Masonic Lodge.The S. Congregation finally declares that "not within the competence of local ecclesiastical authorities to give a ruling on the nature of Masonic associations which would imply a derogation to a judgment as set forth above." In this regard, the text also refers to the Declaration of 17 February 1981, which already reserved to the Apostolic See all pronouncements on the nature of these associations which may have implied exceptions to canon law then in force (can. 2335).Similarly, the new document, issued by the Sacred Congregation for the Doctrine of the Faith in November 1983, expressed the same intentions of reserve concerning statements that differ from the judgment here on the irreconcilability of Masonic principles with the Catholic faith, the gravity of the of joining a lodge and the consequence of this for the reception of Holy Communion. This provision indicates that, despite the differences that may exist among the Masonic Lodges, especially in their declared attitude towards the Church, the Apostolic discerns some common principles, which require the same consideration by all ecclesiastical authorities.In making this statement, the Sacred Congregation for the Doctrine of the Faith did not intend to ignore the efforts of those who, with due authorization of this Congregation, have tried to establish a dialogue with representatives of Freemasonry. But, since there was the possibility that it spread among the faithful the mistaken view that now the membership of a Masonic lodge was lawful, it considered his duty to make known to them the Church's authentic thought about it and warn towards a membership incompatible with the Catholic faith.Only Jesus Christ is, in fact, the Teacher of Truth and only in Him can Christians find the light and the strength to live according to God's design, working for the true good of their brethren.=========================

 
Lies and liesStefano Di Francesco03/01/2013 09:47:38Lies and liesJust treat us as fools. Just passively suffer from morning to evening a barrage of lies, lies, lies that are told in unison by all the media, opinion improvised, economists and mediocre in the pay of the potentate of the moment, unable to warn occurs before the crisis and now all ready to say what are the right ways out of the same.But what credibility do you have? ... What do you suggest over your chairs?Bombarded by a similar amount of falsehood, who can therefore hardly surprising that still give credit to the poor Monti, the self-proclaimed savior of the country, promising support and vote in the next election.Because it does not respond to my way of seeing things, to dwell in long long and lengthy ruminations, often with no rhyme or reason, I would like to submit as a starting point a graph should begin to unravel one of the great lies told by the media, by Prof. Monti, the ECB, the IMF, the need for a country to achieve budget surpluses of as a precondition for development and growth.As you can see from the graph, the crash of 1929 had its reason in the U.S. budget deficit, which was actually a budget surplus, but the excess of private debt, just debt that today is ignored, hidden, as it did not exist and that nobody talks about.Do not believe us? observe carefully the following chart.The graph shows the trend of the interest and amortization of the debt of American households from 1920 to 2010, from which it is evident that in the years immediately preceding the crisis, compared to the federal budget surplus, did offset by a progressive and growing level of private debt with a consequent rise in interest income which reached a maximum level of 14% of the disposable income of households. A crazy thing, only the interest eroded 14% of the family income.Today, as is clear from the graph, we are in the same condition in 1929 with an overall level of interest enormous.In 1929 we were in a condition in which the Federal State (USA) was not making more money because it incassava more than that spent (realized Budget surpluses), and since the gold standard was as deflationary gold production was stagnant for currency was resorted to debt and there was an explosion of private debt and leverage for both the real estate and financial speculation and consumption.As the United States emerged from this situation of severe depression?Here is the third and final graph shows what they did to start growing again.In 1933, Roosevelt started the New Deal, a program of public spending deficit sustained by the Keynesian theory and almost entirely funded by the state debts to private banks and dry with a devaluation of 40% of the U.S. dollar compared to Gold.Inflating succeeded, despite substantial deficits to reduce the total debt (the gray line in the graph)! Reduced the DEBT!It is not difficult to understand de! Monti also should do it!The main difference with the current situation is that, having learned the lesson, now it has avoided the chain of failures of banks and companies pumping money into the financial system with QE, for which they have not reached the levels of banking panics of time. In America, Japan and England have issued money into the economy through massive public deficits recovering the production and income. No wonder that UK GDP is U.S. continues to grow. Eurozone instead being replicated, on a small scale and only to the detriment of the countries of South Europe, the mechanism of the Great Depression by imposing a fixed exchange rate and overrated (and then against Gold today against Marco) and the ban on countries to do deficits.It 's always the same story, the Machine Economy works in the same way, there is nothing new (including the stupidity of those who should know about such things). Whenever there is an excess of debt (shown in the graph on the level of interest equal to 14% of household disposable income in 1939 and today) the only way to get rid of it is to create inflation!! Compress the real interest rates are negative until and inflates the nominal income. There is no other way to mathematically reduce the debt / income or debt / national product. It 'a relationship between two nominal sizes and you have to increase because the denominator falls. This is because the denominator (income) depends on the numerator (debt), so if you try to reduce the second (through budget surpluses and imposition of taxes, then subtracting currency system) also drops the first and the ratio gets worse rather than better (it seems it happened just like that too lately or not?). The only solution is to inflate the numerator.The path traced by our government is wrong and criminal, leads to a conscious destruction of wealth for the benefit only of the banking system.And 'necessary for the State to meet the budget deficit, it is necessary to carry out repressive financial policies with lower interest rates on the debt at the rate of inflation, it is necessary to break down the taxes on households and businesses to help the economy grow.There they will do as long as we remain in the Euro and Europe in this paper?Well! Abandon them to their fate and we will breathe new life and dignity to our national currency, reclaiming Monetary Sovereignty.The rest is just bar talk.Long live Italy.Viva I love Italy.



[ il patto scellerato con l'Europa anticristiana. L'asse tra il Vaticano e Monti:] di Magdi Cristiano Allam. 28/12/2012. L'asse tra il Vaticano e Monti: il patto scellerato con l'Europa anticristiana. (Il Giornale) -  Se le vie del Signore sono infinite resta tuttavia arduo comprendere come possano incrociarsi e addirittura sposarsi il Magistero della Chiesa, la morale cattolica, la Dottrina sociale che ispirati dalla fede in Dio e dai dogmi presidiati dal Papa mettono al centro la persona, la famiglia naturale e il bene comune, con la spregiudicata ideologia di Mario Monti che sulla scia del modello cinese coniuga capitalismo e statalismo, mettendo al centro la moneta, le banche e i mercati.

[ il patto scellerato con l'Europa anticristiana. L'asse tra il Vaticano e Monti:]  Il monito di Gesù “Non potete servire a Dio e a Mammona” (Matteo 6,24 e nel Luca 16,13) risuona in modo dirompente nelle coscienze di tutti i fedeli e, più in generale, delle persone di buona volontà. Non si può non restare esterrefatti leggendo l'esplicito sostegno dell'organo ufficiale dello Stato del Vaticano, l'Osservatore romano, in un articolo in cui si esalta l'espressione di Monti “salire in politica”, valutandola come “un appello a recuperare il senso più alto e più nobile della politica che è pur sempre, anche etimologicamente, cura del bene comune”. Così come si tessono le lodi del capo dello Stato Napolitano “un'altra figura istituzionale che gode di ampia popolarità e alla quale tutti riconoscono il merito di aver individuato proprio nel senatore

[ il patto scellerato con l'Europa anticristiana. L'asse tra il Vaticano e Monti:] a vita l'uomo adatto a traghettare l'Italia fuori dai marosi della tempesta finanziaria”. E' stupefacente constatare che è stato un amore a prima vista. Ricevendo Monti in Vaticano lo scorso gennaio, Benedetto XVI si rivolse a lui con parole di apprezzamento: “Voi avete cominciato bene in una situazione difficile e quasi insolubile”. Eppure Monti, dopo essere stato calato dall'alto dei poteri finanziari forti alla guida del governo in modo più che discutibile, aveva già ripristinato la tassa sulla prima casa maggiorata del 60% dopo la rivalutazione degli estimi catastali, aveva aumentato l’età pensionabile in modo retroattivo


[ il patto scellerato con l'Europa anticristiana. L'asse tra il Vaticano e Monti:]   violando i patti con milioni di cittadini, aveva annunciato  l'aumento dell'Iva e del prezzo dei  carburanti facendo impennare il costo della vita, aveva scatenato il regime di polizia fiscale che controlla tutti i conti correnti e affida obbligatoriamente alle banche le transazioni superiori ai mille euro. Così come nel successivo colloquio il Segretario di Stato vaticano, cardinale Tarcisio Bertone, aveva espresso a Monti “attenzione e incoraggiamento per un'azione difficile, che costa sacrifici, per fronteggiare la crisi economica: un impegno notevole anche dal punto di vista morale”. Le basi del sodalizio tra la Chiesa e Monti furono gettate nel Forum delle associazioni cattoliche svoltosi a Todi il 17 ottobre 2011, voluto dal Presidente della Conferenza Episcopale Italiana, cardinale Angelo Bagnasco, che vide la partecipazione di ben tre futuri ministri del governo Monti:


[ il patto scellerato con l'Europa anticristiana. L'asse tra il Vaticano e Monti:]  l’allora amministratore delegato di Banca Intesa Corrado Passera, il Rettore dell'Università Cattolica Lorenzo Ornaghi e il fondatore della Comunità di Sant’Egidio Andrea Riccardi. Da allora il cardinale Bagnasco è in prima linea nella difesa di Monti, rispondendo addirittura “a chiamata” del Corriere della Sera, così come è accaduto il 10 dicembre scorso, per contrastare l'attacco frontale di Silvio Berlusconi al capo del governo: “La preoccupazione più grande è la tenuta del nostro Paese e quindi la coesione sociale. (...) Il governo tecnico ha messo al riparo da capitolazioni umilianti e altamente rischiose. Non si può mandare in malora i sacrifici di un anno, che sono ricaduti spesso sulle fasce più fragili. (…) E si conferma la radice di una crisi che non è solo economica e sociale, ma culturale e morale”.

[ il patto scellerato con l'Europa anticristiana. L'asse tra il Vaticano e Monti:] Per Bagnasco Monti sarebbe promotore di una riforma culturale e morale che si tradurrebbe anche nella salvezza economica e sociale dell'Italia? Lui che ha raddoppiato il numero degli italiani che soffrono la fame, che ha costretto 47 mila famiglie ad abbandonare la casa perché non hanno i soldi per pagare il mutuo, che ha triplicato la percentuale dei giovani disoccupati o inoccupati, che condanna a morte una media di 200 imprese al giorno? E ci si è forse dimenticati che Monti era nella Commissione Europea, presieduta da un altro cattolico caro alla Chiesa, Romano Prodi, quando quest'Europa relativista bocciò il riferimento alle radici giudaico-cristiane nella bozza della nuova Costituzione che fu poi bocciata dai referendum popolari?

[ il patto scellerato con l'Europa anticristiana. L'asse tra il Vaticano e Monti:] Che cosa è che lega la Chiesa a Monti? Il ricatto di dover pagare per intero l'Imu sui fabbricati di proprietà della Chiesa il cui valore è pari a circa un terzo del valore degli immobili in Italia e che pertanto si tradurrebbe in un salasso finanziario? E' questa l'ipotesi più accreditata. Ma anche se così non fosse, la Chiesa sappia che il sodalizio con Monti consolida il disorientamento e allontana sempre di più i fedeli. Certamente non potrà godere della comprensione e del consenso delle famiglie, degli imprenditori, degli esodati e dei giovani che sono le principali vittime della forsennata strategia dell'austerità che ha ridotto la persona a strumento al servizio della moneta, spogliando in parallelo l'Italia della propria sovranità per darla in pasto a quest'Europa dei banchieri e alle istituzioni finanziarie globalizzate in cui ha servito e che sostengono Monti. twitter@magdicristiano


========================
 La falsa chiesa all’interno della Chiesa è all’opera più che mai
di Stefano Arnoldi
29/12/2012 15:55:39
La falsa chiesa all’interno della Chiesa è all’opera più che mai

Ora possiamo davvero dirlo: dopo averla vista all’opera anche in campo politico (l’incredibile e scandaloso appoggio a Monti e all’Europa che perseguono un programma massonico! - Per approfondire l'inconciliabilità fra la massoneria e la dottrina cristiana si legga il documento vaticano a questo link), la falsa chiesa all’interno della Chiesa ha gettato la maschera e ormai alla luce del sole, con diabolica sfrontatezza, manifesta le sue velenose eresie e i suoi tradimenti.

Tradimenti innanzitutto nei confronti di Cristo (giustamente Giovanni Zenone, direttore della casa editrice Fede&Cultura, scrive che la stirpe di Giuda si è ormai riprodotta a dismisura a guisa di cancro, e ancora una volta Cristo viene tradito per una manciata di monetine) ma anche tradimenti nei confronti dei fedeli della cui salvezza dell’anima e della conquista del Paradiso eterno non importa più a nessuno, tantomeno a quei sacerdoti,  vescovi e cardinali che si sono fatti strumento di una falsa fede (annacquata da sentimentalismo e buonismo spesso al limite dell’infantilismo), di una falsa dottrina (avvelenata da visioni sempre più protestanti, dalle logiche mondane e da quel superbo carrierismo nella conquista del potere e della vanagloria), e infine, inesorabilmente, di una falsa chiesa (dove la morale e la verità hanno lasciato il posto a “logiche” di vita che non hanno nulla di cattolico infettate come sono da compiacenti aperture a ciò che se si è chiamato fino a ieri “peccato” ma che oggi non lo è più: il sovvertimento del vero col falso e del bene col male è compiuto).

Davanti a tutto questo scenario, i cattolici assistono attoniti o, forse i più sprovveduti, nemmeno consapevoli di quello che si sta perpetrando a loro danno: qui c’è in gioco la salvezza o la dannazione eterna in quello scontro drammatico, come ricorda il card. Caffarra (arcivescovo di Bolgna), tra la cultura della morte e il Vangelo della vita, tra il demonio e Cristo.

Terreno di scontro: la vita di ciascuno di noi. Oggetto del contendere: la nostra anima.

La vicenda, per l’intelletto umano, è persino imbarazzante nella sua semplicità, ma un cuore immerso in una società refrattaria alla Verità, offuscato da tante menzogne e condotto a zonzo da pastori smarriti che per di più si arrogano a guide pur essendosi segretamente fatti traditori dell’unico vero Dio che rivendica per Sé e per Sè solo il ruolo di Salvatore (con tanti saluti al cortile dei gentili del card. Ravasi), un cuore così offuscato non può che perdere il bandolo della matassa e cadere inesorabilmente nella ragnatela del ragno fino a diventarne preda e poi schiavo, per sempre.

E tutto questo perché accade? Perché la fede è in ritirata, anche in ambienti ecclesiastici, soprattutto in ambienti ecclesiastici: non si crede più nei Novissimi (alzi la mano chi riesce più a sentire le parole morte, giudizio, inferno, paradiso nelle omelie), non si crede più nell’unica vera dottrina capace di dare risposte precise a domande precise (quel magnifico Catechismo di San Pio X che ancora oggi ci insegna la retta dottrina, è stato rimosso e persino deriso da un clero che si definisce all'"avanguardia" col risultato che gli insegnamenti del Vangelo e le parole di Cristo vengono deformati e stravolti a seconda delle aspettative mondane del momento), non si crede più nella Messa (anzi, si odia quella di sempre, in latino…troppo pericolosa perché converte il cuore!) e nelle grazie che da Essa si sprigionano (ormai nelle Chiese le funzioni col “rito aggiornato” sono rappresentazioni teatrali pregne di insolenza verso il Padrone di casa con deformazioni liturgiche al limite del sopportabile, come sottolinea mons. Bux)…

Ma l’opera della falsa chiesa nella demolizione della fede e della vera Chiesa continua inesorabile: il suo venire a patti col mondo è manifesto e professarsi cattolici, di base o di bose (...e stendiamo un velo pietoso!), oggi non significa più nulla se non indossare una maschera di finto perbenismo per celare un vuoto interiore etico e spirituale da spavento.

In una Nota che ha fatto discutere (il Bene fa sempre discutere, il male passa invece sempre sotto silenzio...), mons. Crepaldi (vescovo di Trieste) aveva parlato come di “due Chiese” che ormai esprimono due teologie diverse. Più chiaro di così!

Tutto ciò, lo sappiamo bene (o forse ce ne siamo dimenticati?), è stato predetto da Cristo: “...Ma quando il Figlio dell’Uomo verrà, troverà ancora la fede sulla terra?" (Lc 18, 8) lasciando intendere che tutto il mondo, anche la Chiesa, sarebbero stati investiti da una paurosa crisi di fede.

Tuttavia “… le porte dell’inferno non prevarranno contro di essa” (Mt 16, 18). Non prevalebunt, le forze del male non potranno schiacciare ed eliminare la vera Chiesa, che sebbene sempre più ridimensionata e perseguitata (basta aprire gli occhi ed elevarci anche solo un millimetro dall’ipocrisia nella quale amiamo sguazzare) vive perché Cristo stesso vive in essa (se infatti la Chiesa fosse solo un’istituzione umana sarebbe già stata spazzata via dall’odio di quanti nella storia è stato ed è riversato su di Essa per zittirla, condizionarla o distruggerla... questo è certo).

Del resto anche la Madonna a Fatima ha detto “alla fine il mio cuore immacolato trionferà” confermando il periodo di crisi, cioè di apostasia, entro il quale sarebbe passata la barca di Pietro e indicandosi Lei stessa come timone d’aiuto per uscire da quella tempesta.

Rendiamoci perciò conto di quello che sta succedendo e agiamo di conseguenza, perché ogni cristiano, volente o nolente, dovrà fare una scelta,  avendo ben stampate nella mente e nel cuore queste parole: "...Beati voi quando vi insulteranno, vi perseguiteranno e, mentendo, diranno ogni sorta di male contro di voi a causa mia. Rallegratevi ed esultate perché grande è la ricompensa preparata per voi nei Cieli" (Mt 5, 11-12)… e non sono parole del card. Martini, ma di Gesù…queste sì, risuonano di vita eterna…

Stefano Arnoldi – direttore Corsia dei Servi
=====================

RIFLESSIONI AD UN ANNO DALLA DICHIARAZIONE
DELLA CONGREGAZIONE PER LA DOTTRINA DELLA FEDE


INCONCILIABILITÀ TRA FEDE CRISTIANA E MASSONERIA



Il 26 novembre 1983 la Congregazione per la Dottrina della Fede pubblicava una dichiarazione sulle associazioni massoniche (cfr AAS LXXVI [1984] 300).

A poco più di un anno di distanza dalla sua pubblicazione può essere utile illustrare brevemente il significato di questo documento.

Da quando la Chiesa ha iniziato a pronunciarsi nei riguardi della massoneria il suo giudizio negativo è stato ispirato da molteplici ragioni, pratiche e dottrinali. Essa non ha giudicato la massoneria responsabile soltanto di attività sovversiva nei suoi confronti, ma fin dai primi documenti pontifici in materia e in particolare nella Enciclica «Humanum Genus» di Leone XIII (20 aprile 1884), il Magistero della Chiesa ha denunciato nella Massoneria idee filosofiche e concezioni morali opposte alla dottrina cattolica. Per Leone XIII esse si riconducevano essenzialmente a un naturalismo razionalista, ispiratore dei suoi piani e delle sue attività contro la Chiesa. Nella sua Lettera al Popolo Italiano «Custodi» (8 dicembre 1892) egli scriveva: «Ricordiamoci che il cristianesimo e la massoneria sono essenzialmente inconciliabili, così che iscriversi all’una significa separarsi dall’altra».

Non si poteva pertanto tralasciare di prendere in considerazione le posizioni della Massoneria dal punto di vista dottrinale, quando negli anni 1970‑1980 la S. Congregazione era in corrispondenza con alcune Conferenze Episcopali particolarmente interessate a questo problema, a motivo del dialogo intrapreso da parte di personalità cattoliche con rappresentanti di alcune logge che si dichiaravano non ostili o perfino favorevoli alla Chiesa.

Ora lo studio più approfondito ha condotto la Sacra Congregazione per la Dottrina della Fede a confermarsi nella convinzione dell’inconciliabilità di fondo fra i principi della massoneria e quelli della fede cristiana.

Prescindendo pertanto dalla considerazione dell’atteggiamento pratico delle diverse logge, di ostilità o meno nei confronti della Chiesa, la Sacra Congregazione per la Dottrina della Fede, con la sua dichiarazione del 26.11.83, ha inteso collocarsi al livello più profondo e d’altra parte essenziale del problema: sul piano cioè dell’inconciliabilità dei principi, il che significa sul piano della fede e delle sue esigenze morali.

A partire da questo punto di vista dottrinale, in continuità del resto con la posizione tradizionale della Chiesa, come testimoniano i documenti sopra citati di Leone XIII, derivano poi le necessarie conseguenze pratiche, che valgono per tutti quei fedeli che fossero eventualmente iscritti alla massoneria.

A proposito dell’affermazione sull’inconciliabilità dei principi tuttavia si va ora da qualche parte obiettando che essenziale della massoneria sarebbe proprio il fatto di non imporre alcun «principio», nel senso di una posizione filosofica o religiosa che sia vincolante per tutti i suoi aderenti, ma piuttosto di raccogliere insieme, al di là dei confini delle diverse religioni e visioni del mondo, uomini di buona volontà sulla base di valori umanistici comprensibili e accettabili da tutti.

La massoneria costituirebbe un elemento di coesione per tutti coloro che credono nell’Architetto dell’Universo e si sentono impegnati nei confronti di quegli orientamenti morali fondamentali che sono definiti ad esempio nel Decalogo; essa non allontanerebbe nessuno dalla sua religione, ma al contrario costituirebbe un incentivo ad aderirvi maggiormente.

In questa sede non possono essere discussi i molteplici problemi storici e filosofici che si nascondono in tali affermazioni. Che anche la Chiesa cattolica spinga nel senso di una collaborazione di tutti gli uomini di buona volontà, non è certamente necessario sottolinearlo dopo il Concilio Vaticano II. L’associarsi nella massoneria va tuttavia decisamente oltre questa legittima collaborazione e ha un significato ben più rilevante e determinante di questo.

Innanzi tutto si deve ricordare che la comunità dei «liberi muratori» e le sue obbligazioni morali si presentano come un sistema progressivo di simboli dal carattere estremamente impegnativo. La rigida disciplina dell’arcano che vi domina rafforza ulteriormente il peso dell’interazione di segni e di idee. Questo clima di segretezza comporta, oltre tutto, per gli iscritti il rischio di divenire strumento di strategie ad essi ignote.

Anche se si afferma che il relativismo non viene assunto come dogma, tuttavia si propone di fatto una concezione simbolica relativistica, e pertanto il valore relativizzante di una tale comunità morale-rituale lungi dal poter essere eliminato, risulta al contrario determinante.

In tale contesto, le diverse comunità religiose, cui appartengono i singoli membri delle Logge, non possono essere considerate se non come semplici istituzionalizzazioni di una verità più ampia e inafferrabile. Il valore di queste istituzionalizzazioni appare, quindi, inevitabilmente relativo, rispetto a questa verità più ampia, la quale si manifesta invece piuttosto nella comunità della buona volontà, cioè nella fraternità massonica.

Per un cristiano cattolico, tuttavia, non è possibile vivere la sua relazione con Dio in una duplice modalità, scindendola cioè in una forma umanitaria - sovraconfessionale e in una forma interna - cristiana. Egli non può coltivare relazioni di due specie con Dio, né esprimere il suo rapporto con il Creatore attraverso forme simboliche di due specie. Ciò sarebbe qualcosa di completamente diverso da quella collaborazione, che per lui è ovvia, con tutti coloro che sono impegnati nel compimento del bene, anche se a partire da principi diversi. D’altronde un cristiano cattolico non può nello stesso tempo partecipare alla piena comunione della fraternità cristiana e, d’altra parte, guardare al suo fratello cristiano, a partire dalla prospettiva massonica, come a un «profano».

Anche quando, come già si è detto, non vi fosse un’obbligazione esplicita di professare il relativismo come dottrina, tuttavia la forza relativizzante di una tale fraternità, per la sua stessa logica intrinseca ha in sé la capacità di trasformare la struttura dell’atto di fede in modo così radicale da non essere accettabile da parte di un cristiano, «al quale cara è la sua fede» (Leone XIII).

Questo stravolgimento nella struttura fondamentale dell’atto di fede si compie, inoltre, per lo più, in modo morbido e senza essere avvertito: la salda adesione alla verità di Dio, rivelata nella Chiesa, diviene semplice appartenenza a un’istituzione, considerata come una forma espressiva particolare accanto ad altre forme espressive, più o meno altrettanto possibili e valide, dell’orientarsi dell’uomo all’eterno.

La tentazione ad andare in questa direzione è oggi tanto più forte, in quanto essa corrisponde pienamente a certe convinzioni prevalenti nella mentalità contemporanea. L’opinione che la verità non possa essere conosciuta è caratteristica tipica della nostra epoca e, nello stesso tempo, elemento essenziale della sua crisi generale.

Proprio considerando tutti questi elementi la Dichiarazione della S. Congregazione afferma che la Iscrizione alle associazioni massoniche «rimane proibita dalla Chiesa» e i fedeli che vi si iscrivono «sono in stato di peccato grave e non possono accedere alla Santa Comunione».

Con questa ultima espressione, la S. Congregazione indica ai fedeli che tale iscrizione costituisce obiettivamente un peccato grave e, precisando che gli aderenti a una associazione massonica non possono accedere alla Santa Comunione, essa vuole illuminare la coscienza dei fedeli su di una grave conseguenza che essi devono trarre dalla loro adesione a una loggia massonica.

La S. Congregazione dichiara infine che «non compete alle autorità ecclesiastiche locali di pronunciarsi sulla natura delle associazioni massoniche, con un giudizio che implichi deroga a quanto sopra stabilito». A questo proposito il testo fa anche riferimento alla Dichiarazione del 17 febbraio 1981, la quale già riservava alla Sede Apostolica ogni pronunciamento sulla natura di queste associazioni che avesse implicato deroghe alla legge canonica allora in vigore (can. 2335).

Allo stesso modo il nuovo documento, emesso dalla Sacra Congregazione per la Dottrina della Fede nel novembre 1983, esprime identiche intenzioni di riserva relativamente a pronunciamenti che divergessero dal giudizio qui formulato sulla inconciliabilità dei principi della massoneria con la fede cattolica, sulla gravità dell’atto di iscriversi a una loggia e sulla conseguenza che ne deriva per l’accesso alla Santa Comunione. Questa disposizione indica che, malgrado la diversità che può sussistere fra le obbedienze massoniche, in particolare nel loro atteggiamento dichiarato verso la Chiesa, la Sede Apostolica vi riscontra alcuni principi comuni, che richiedono una medesima valutazione da parte di tutte le autorità ecclesiastiche.

Nel fare questa Dichiarazione, la Sacra Congregazione per la Dottrina della Fede non ha inteso disconoscere gli sforzi compiuti da coloro che, con la debita autorizzazione di questo Dicastero, hanno cercato di stabilire un dialogo con rappresentanti della Massoneria. Ma, dal momento che vi era la possibilità che si diffondesse fra i fedeli l’errata opinione secondo cui ormai la adesione a una loggia massonica era lecita, essa ha ritenuto suo dovere far loro conoscere il pensiero autentico della Chiesa in proposito e metterli in guardia nei confronti di un’appartenenza incompatibile con la fede cattolica.

Solo Gesù Cristo è, infatti, il Maestro della Verità e solo in Lui i cristiani possono trovare la luce e la forza per vivere secondo il disegno di Dio, lavorando al vero bene dei loro fratelli.

=========================

 Bugie e menzogne
di Stefano Di Francesco
03/01/2013 09:47:38
Bugie e menzogne

Basta trattarci da imbecilli. Basta subire passivamente dalla mattina alla sera una serie ininterrotta di bugie, falsità, menzogne che all’unisono vengono raccontate da tutti i media,opinionisti improvvisati, economisti mediocri ed al soldo del potentato di turno, incapaci di metterci in guardia prima che si verificasse la crisi ed ora tutti pronti a dire quali sono le giuste vie di uscita dalla stessa.

Ma che credibilità avete?...cosa volete suggerire da dietro le vostre cattedre ?

Bombardati da una simile mole di falsità, chi può dunque stupirsi che ancora si dia credito al mediocre Monti, autoproclamatosi salvatore della Patria, promettendogli l’appoggio ed il voto alle prossime elezioni.

Poiché non risponde al mio modo di vedere le cose, dilungarmi in lunghe lunghissime e prolisse elucubrazioni, spesso senza né capo né coda, vorrei sottoporvi quale punto di partenza un grafico che dovrebbe iniziare a svelare una delle grandi bugie raccontate dai media,dal Prof. Monti, dalla BCE, dal FMI, sulla necessità per un paese di realizzare Avanzi di Bilancio quale precondizione per lo sviluppo e la crescita.

Come si vede dal grafico, il crac del 1929 ebbe la sua ragione non nel deficit statale USA, che in realtà era un Surplus di bilancio, bensì nell’eccesso di Debito Privato, proprio quel debito che oggi viene ignorato, nascosto, come non esistesse e di cui  nessuno parla.

Non ci credete? osserviamo con attenzione il seguente grafico.

Il grafico riporta l’andamento dell’interesse e dell’ammortamento del debito delle famiglie americane dal 1920 al 2010 dal quale si evidenzia come negli anni immediatamente precedenti la crisi, a fronte di surplus del bilancio federale, facesse da contraltare un progressivo e crescente livello d’indebitamento privato con conseguente crescita degli interessi che raggiunsero il livello massimo del 14% sul reddito disponibile delle famiglie. Un cosa pazzesca; solo gli interessi erodevano il 14% del reddito familiare.

Oggi, come si evince chiaramente dal grafico, siamo nella stessa condizione del 1929 con un livello complessivo d’interessi enorme.

Nel 1929 eravamo  in una condizione in cui lo Stato Federale (USA) non emetteva più moneta perchè ne incassava più di quella che spendeva ( realizzava Avanzi di bilancio) e dato che il sistema aureo era deflazionista poichè la produzione di oro era stagnante, per avere moneta si ricorse al debito e ci fu un esplosione di debito privato e di leva finanziaria, sia per la speculazione immobiliare e finanziaria che per il consumo.

Come uscirono  gli Stati Uniti da questa situazione di grave depressione?

Ecco il terzo ed ultimo grafico che evidenzia cosa fecero per tornare a crescere.

Nel 1933, Roosevelt avviò il New Deal, un programma di spesa pubblica con disavanzo sostenuto dalla teoria keynesiana e quasi interamente finanziato con debiti dello Stato verso banche private e con una  svalutazione secca del -40% del Dollaro rispetto all'Oro.

Inflazionando riuscì, malgrado consistenti deficit pubblici a ridurre il debito totale ( la linea grigia nel grafico)!!! RIDUSSE  IL DEBITO!!

Non è difficile de capire!! Anche Monti dovrebbe riuscirci!!

La differenza principale con la situazione attuale  è che avendo imparato in parte la lezione, ora si è evitata la catena di fallimenti di banche e di aziende pompando moneta nel sistema  finanziario con i QE, per cui non si sono raggiunti i livelli di panico bancario di allora. In America, Giappone e Inghilterra hanno emesso moneta nell'economia tramite enormi deficit pubblici risollevando la produzione e il reddito. Non per nulla il Pil sia Uk che degli Usa continua a crescere.  Nell'eurozona invece si sta replicando, in scala ridotta e solo ai danni dei paesi del sud-europa, il meccanismo della Grande Depressione imponendo un cambio fisso e sopravvalutato (allora contro Oro e oggi contro Marco) e  il divieto per i Paesi di fare deficit pubblici.

E' sempre la stessa identica storia, la Macchina dell'Economia funziona sempre allo stesso modo, non c'è niente di nuovo (inclusa la stupidità di chi dovrebbe conoscere queste cose ). Ogni volta che c’è un eccesso di debito ( evidenziato nel grafico dal livello d’interessi pari al 14% del reddito disponibile delle famiglie del 1939 ed odierno) l’unico modo per liberarsene è creare inflazione !!!!! Si comprimono i tassi di interesse reali fino a quando non siano negativi e si inflaziona il reddito nominale. Non esiste matematicamente altro modo di ridurre il rapporto debito/reddito o debito/prodotto nazionale. E' un rapporto tra due grandezze nominali e devi aumentare il denominatore perchè scenda. Questo perchè il denominatore (reddito) dipende dal numeratore (debito), per cui se cerchi di ridurre il secondo ( attraverso avanzi di bilancio ed imposizione di tasse, sottraendo quindi  moneta al sistema) scende anche il primo ed il rapporto peggiora anziché migliorare ( pare che sia successo proprio così anche ultimamente o no?). L'unica soluzione è inflazionare il numeratore.

La via tracciata dal nostro Governo è sbagliata e criminale; porta ad una consapevole distruzione di ricchezza a vantaggio del  solo sistema bancario .

E’ necessario che lo Stato realizzi deficit di bilancio; è necessario realizzare politiche finanziarie repressive con tassi sul debito inferiori al tasso d’inflazione; è necessario abbattere le tasse alle famiglie ed alle imprese per permettere all’economia di crescere.

Non ce lo faranno fare finchè resteremo nell’Euro ed in questa Europa di carta?

Bene! Li abbandoneremo al loro destino e lo faremo ridando vita e dignità alla nostra moneta nazionale, riappropriandoci della Sovranità Monetaria.

Il resto sono solo chiacchiere da bar.

Viva l’Italia.

Viva Io Amo l’Italia.